Cerca

Denuncia ad uno Stato "INEQUO"

Il 24/02/2013, mio fratello Gabriele Gaudenzi, si è tolto la vita a causa della crisi economica persistente, delle cartelle di Equitalia, della prdita di dignità! Nessuno ha fatto qualcosa per lui o per tutti coloro, che come lui, si sono tolti la vita perchè in preda alla tristezza e alla disperazione. A Gaudenzi Gabriele, come a tutte le altre vittime, è stata tolta la gioia di vivere ed è stata data la paura del domani da EQUITALIA (= Italia Equa????) e da coloro che dicono che "La legge è uguale per tutti" (da quando?). Un anno fa se n'è andata una persona meravigliosa, sempre pronta ad aiutare il prossimo, sempre con il cuore in mano ed un sorriso per coloro che ne avevano bisogno! Caro fratello un vuoto enorme persiste, ma noi manteniamo il tuo ricordo vivo nei nostri cuori. Oggi io vorrei che giustizia fosse fatta per te e per tutti coloro che come te hanno perso ogni speranza e compiuto un gesto disperato! I colpevoli di tutti questi OMICIDI devono prendersene la responsabilità e devono pagare per i loro atti spregevoli.Per una volta devono pagare i veri responsabili e non sempre gli innocenti! Troppe vite sono state sciupate, troppe famiglie spezzate dal dolore. Sper che questo nuovo Governo saprà fare il necessario anche per noi e non solo per coloro che non hanno mai fatto fatica ma che hanno comunque le tasche piene ancora prima di nascere! Usciamo dall'ombra, alziamo la testa e denunciamo i colpevoli che ci uccidano giorno dopo giorno. Gabri ti voglio bene, mi manchi e ti prometto che la tua dignità sarà ristabilita!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog