Cerca

Parità dei sessi

L'Aquila, nasce il centro che difende gli uomini dalle donne violente

L'Aquila, nasce il centro che difende gli uomini dalle donne violente

Non sono solo le donne a subire violenze e maltrattamenti da parte degli uomini, ma accade spesso anche il contrario. Lo rivela uno studio dell'Università di Siena, che è stato rivolto a un campione di 1.058 uomini in un età compresa tra i 18 e i 70 anni. I dati parlano chiaro: la maggior parte degli intervistati ha denunciato violenze psicologiche o fisiche da parte del gentil sesso.

Il centro - Per questo l’Associazione per i Diritti del Cittadino dell’Aquila ha annunciato l’apertura di un centro antiviolenza che aiuterà le vittime di entrambi i sessi, non solo le donne. "È emerso - spiega la coordinatrice del progetto, la dottoressa Sara Maddalena Cocuzzi - che tutti gli uomini ai quali è stato sottoposto il sondaggio abbiano dichiarato di aver vissuto almeno una volta nella vita un episodio di violenza da parte di una partner. Si tratta della prima indagine conoscitiva sul fenomeno realizzata in Italia, mentre in altri paesi il tema è oggetto di studi periodici".

Vergogna - "Il motivo del mancato studio - continua la dottoressa - è da ricercare nella difficoltà dell’uomo italiano ad ammettere di aver subito violenza e di conseguenza a denunciarla. Difficoltà derivante dal non voler apparire agli occhi della società come vittima e anche dal fatto che spesso tali accadimenti si verificano all'interno delle mura domestiche e quindi ad opera di persone legate da vincoli affettivo/familiari. Di conseguenza, per anni, sia le istituzioni che le realtà scientifiche hanno ignorato il fenomeno."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • diluvio108

    22 Marzo 2015 - 20:08

    Quando resistere alla violenza è inevitabile. Quando la moglie è una disabile grave che segue una terapia medicinale che la stravolge fisicamente e mentalmente. Quando l unica cosa che puoi fare è parare gli scatti violenti per difendere i tuoi figli dalle conseguenze e che nel frattempo diventano nevrotici latenti senza nessuna colpa grave per le cause scatenanti a volte veramente futili. Aiuto.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    03 Marzo 2014 - 16:04

    Che siano gli uomini o le donne a fare violenza il problema è lo stesso. Bisogna obbligare queste persone (??) ad andare da qualche psicologo, di quelli bravi. Ecco, un centro con lo psicologo/psichiatra va bene.

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    03 Marzo 2014 - 16:04

    Gli uomini fanno violenza di solito fisica. Le donne la fanno psicologica. Due diversi tipi di violenza, ma entrambi da condannare nella maniera più assoluta e categorica. E che si sfati il tabù che le donne sono il gentil sesso, loro spesso riducono gli uomini a larve, zerbini, svuotati da ogni velleità di reazione e ribellione, pena una pressione psicologica insostenibile per l'uomo. Per cui...cari uomini iniziare a denunciare.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    03 Marzo 2014 - 16:04

    Un "uomo" che subisce violenza da una donna,non è un uomo...

    Report

    Rispondi

    • renn.ig1941

      28 Settembre 2014 - 00:12

      Che stupidaggine. Qual'è il significato di essere uomo? Quello di una volta dove facevano le guerre? Finché c'è questa mentalità non si riuscirà a costruire una società come si deve.

      Report

      Rispondi

blog