Cerca

Fuori dal coro

Daniela Santanchè: "No alle quote rose, conta solo il merito"

9
Daniela santanchè

Una voce fuori dal coro. È quella di Daniela Santanchè che, sulle quote rosa, si fa portavoce di un'opinione diversa da quella di molte sue colleghe parlamentari: "Care amiche, fermatevi sull'approvazione di quest'emendamento". La deputata di Forza Italia, infatti, ritiene che garantire la parità di genere all'interno delle liste non sia sufficiente: "Lo sappiamo tutte, ma dobbiamo avere il coraggio di ammetterlo: nei partiti le liste elettorali vengono decise e predisposte dagli uomini. E la stessa regola vale per le donne che nei governi fanno i ministri: sono sempre scelte da uomini".

"Conta il merito, non il sesso" - La pitonessa, dalle pagine di Libero, invita le sue colleghe a puntare più in alto: "La mia battaglia è per avere donne che possa decidere chi candidare". Nel corso della stessa intervista, in edicola sabato 8 marzo, la Santanchè rivendica inoltre il diritto delle parlamentari a essere scelte per le loro capacità e non piuttosto per la loro appartenenza al genere femminile: "Conta il merito. Non siamo qui per fare numero ma per avere un ruolo più importante di prima". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kobra12

    11 Marzo 2014 - 09:09

    Scelte per merito, quindi lei dovrà stare fuori dal Parlamento, quando l'unico suo merito è essere una arrivista lecchina.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    08 Marzo 2014 - 13:01

    Predicano sullle quote rosa , salvo poi abolire la "madre" , riduncendola al genere neutro di "genitore" . Ma per favore!

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    08 Marzo 2014 - 12:12

    La mascolinità della siura Daniela è nota.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media