Cerca

La sentenza

Cassazione, interdizione: i 3 no dei giudici agli avvocati di Silvio

Cassazione, interdizione:  i 3 no dei giudici agli avvocati di Silvio

Il pool di legali non è riuscito a salvare Silvio Berlusconi dall'interdizione. La Cassazione ha confermato i due anni: Silvio Berlusconi non potrà quindi candidarsi. E non è ancora finita perché un altro appuntamento aspetta il Cav: quello del 10 aprile in cui i giudici di Milano dovranno decidere sull'affidamento ai servizi sociali. Il verdetto della terza sezione di Cassazione sposa completamente la richiesta del sostituto procuratore Angelo Policastro che aveva chiesto la conferma della decisione della Corte d'Appello di Milano del 19 ottobre quando la pena di 5 anni giudicata eccessiva dalla Cassazione è stata ridotta a due anni.

Le richieste - Niccolò Ghedini e Franco Coppi durante l'udienza spiegano le loro ragioni. Il primo punto è quello del ricorso alla Consulta perché il decreto legislativo Severino sull'incandidabilità non rispetta la legge anti-corruzione che nella delega del governo parlava di un necessario coordinamento tra nuova legge e norme sull'interdizione. Secondo punto: altro ricorso alla Consulta perché sarebbe incostituzionale la legge che consente agli amministratori di società di ottenere l'esclusione delle pene accessorie se hanno saldato il debito tributario. E Berlusconi se pure avesse voltuo non avrebbe potuto farlo in quanto, essendosi buttato in politica, non aveva più un ruolo nelle sue società. Franco Coppi poi consegna ai giudici una sentenza della Corte di Strasburgo sul caso Gabetti Grande Stevens per il processo Efil-Exor, viola i diritti umani perché gli imoputati sono stati giudicati e puniti in via amministrativa e penale per lo stesso reato. Coppi sostiene che il Cav è stato punito due volte prima con la legge Severino poi con l'interdizione. Per lui, siccome non si può essere puntiti per lo stesso reato, il caso deve andare a Strasburgo. I giudici ascoltano interessati, ma la risposta è no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • onollov35

    26 Marzo 2014 - 17:05

    E' mai possibile che qualche Magistrato Indipendente o di Destra, non si ribella a questo continuo martirio?

    Report

    Rispondi

    • caiogracco

      26 Marzo 2014 - 22:10

      Poiché nessun magistrato indipendente si ribella, è possibile che ciò avvenga e forse questo capita perché non vi è alcun martirio ma solo applicazione della legge.

      Report

      Rispondi

  • timbano

    20 Marzo 2014 - 08:08

    Sarai sempre il mio Presidente, Cavaliere del lavoro e unico capace di tirare fuori l'Italia da questo putridume rosso. Grazie

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    19 Marzo 2014 - 18:06

    Caro mariobone489 Ogni domanda è lecita e, se aspetti una risposta, non l'avrai perchè in Italia, essendo la giustizia morta e sepolta, i giudici, piccoli dei, fanno quello che vogliano dato che essendo politicizzati, il loro nemico deve essere comunque distrutto. Non ti dice nulla la causa Penati? Innocente naturalmente, le cause Di Benedetti che ha distrutto fior di imprese? Innocente.Giustizia?

    Report

    Rispondi

  • mabo20131938

    19 Marzo 2014 - 15:03

    Mi domando - e domando agli esperti del settore- se il ricorso alla Consulta quali modalita deve rispettare, se può ricorrere alla Consulta soltanto il Tribunale (che in questo caso pare non avere nessuna intenzione di farlo), se può ricorrere anche il collegio dei difensori o no. Una cosa è certa: La Consulta, se non interpellata del caso, non muove dito.

    Report

    Rispondi

    • ciannosecco

      19 Marzo 2014 - 17:05

      segue... La prima cosa che salta all'occhio è il diverso approccio che ha tenuto la Suprema Corte.In un caso simile,ha confermato la sentenza di un Tribunale che aveva disatteso la Bossi/Fini,su una espulsione di un clandestino,ritenendo corretta e prevalente l'applicazione europea su quella nazionale.Ora che i difensori di Berlusconi hanno chiesto l'applicazione europea,hanno detto di no.

      Report

      Rispondi

    • ciannosecco

      19 Marzo 2014 - 17:05

      La Cassazione poteva chiedere il parere della Consulta.Così facendo,la richiesta avrebbe avuto una specie di corsia preferenziale e non si doveva aspettare il deposito di quest'ultima sentenza.Adesso, per qualsiasi richiesta che vorranno fare,ci vorrà tempo (tra l'uno e i due anni)Penso che i difensori proporranno lo stesso i ricorsi. segue..

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog