Cerca

Pezzo dopo pezzo

Pompei, nuovi crolli: cede il muro di una doums

Pompei, nuovi crolli: cede il muro di una doums

Altri guai a Pompei. Dopo che qualche giorno fa è stato trafugato l'affresco di Artemide che era custodito nella domus di Nettuno, oggi, giovedì 20 marzo, si è verificato un nuovo crollo. In mattinata ha ceduto una porzione di un muro in pietra non affrescato di una domus nella Regio V, un'area già interdetta al pubblico a causa di altri cedimenti avvenuti nelle stesse settimane. Il crollo è stato segnalato da uno dei custodi degli scavi e suol posto sono già arrivati i carabinieri e personale della Soprintendenza.

Gli appelli - Nel frattempo continuano gli appelli da personaggi della politica e dello spettacolo, che chiedono di salvaguardare il patrimonio artistico e di fermare l'incuria che sta distruggendo la città. L'ultimo appello arriva da Gigi D'Alessio che si è rivolto direttamente a Matteo Renzi: "Vorrei accendere un sole, più che un riflettore - ha detto il cantante -, sul fatto che non possiamo né lasciare degradare Pompei, che tutto il mondo ci ammira, né voltarci dall'altra parte rispetto alle persone che muoiono nella Terra dei Fuochi. E spero che il nuovo premier possa segnare una svolta concreta anche lì".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RaidenB

    20 Marzo 2014 - 18:06

    Di dimetta Franceschini che è buono solo a parlare tanto ma ancora non ha fatto un tubo.

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    20 Marzo 2014 - 16:04

    Una volta i sinistroide di m@@@a hanno detto che i ministri erano degli incompetenti (perché di destra) ora mi sembra di poter dire che quelli di sinistra son di grandi coglioni incompetenti.

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    20 Marzo 2014 - 15:03

    Questa è la maledizione di Bondi! Che crolli tutto, almeno finchè non si dimetterà il ministro compèetente e così sarà fino alla completa distruzione di Pompei.

    Report

    Rispondi

blog