Cerca

Appalti e consulenze

Lombardia, in manette vertici Infrastrutture lombarde

Tra gli arrestati anche il direttore generale Antonio Giulio Rognoni

Lombardia, in manette vertici Infrastrutture lombarde

C'è anche il direttore generale Antonio Giulio Rognoni tra le otto persone arrestate dal Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano in una vasta indagine che ha al centro la società "Infrastrutture lombarde", ossia il braccio operativo della Regione Lombardia per quel che concerne opere e appalti pubblici legati a infrastrutture e trasporti. Gli arresti, ordinati dal gip Andrea Ghiretti, sono stati eseguiti per asserite modalità illecite degli affidamenti esterni di incarichi nei due settori dell'area consulenza legale e dei controlli degli appalti, complessivamente del valore alcuni milioni di euro dal 2008 a oggi. Oltre a Rognoni, che ricopre pure l'incarico di amministratore della partecipata "Costruzioni autostradali lombarde" (Cal) è finito agli arresti pure il capo dell’ufficio gare e appalti della società, Pierpaolo Perez. Le accuse sono di associazione a delinquere, turbativa d’asta, truffa alla Regione e falso. Quattro avvocati, un dirigente della società regionale e un ingegnere sono stati messi inoltre agli arresti domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    21 Marzo 2014 - 15:03

    Quando annunciarono l'idea dell'Expo,dissi ad alcuni amici che ne arresteranno a tonnellate.Se dovessi avere doti di preveggenza,diventerei miliardario in tre mesi.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    20 Marzo 2014 - 20:08

    Come salvarsi da questi ladri? Semplice: Tassare i pensionati, gli operai, togliere qualsiasi detrazione. Più siamo meno paghiamo per mantenere questi galantuomini. Che schifo!

    Report

    Rispondi

blog