Cerca

Salvato dal braccialetto elettronico

Bovi, l'ex fonico dei Modà accusato di pedofilia, tenta il suicidio

Bovi, l'ex fonico dei Modà accusato di pedofilia, tenta il suicidio

Ha tentato il suicidio Paolo Bovi, il 40enne ex fonico dei Modà agli arresti domiciliari dallo scorso 14 gennaio con l’accusa di violenza sessuale su minori. L’uomo è stato salvato dai carabinieri di Cassano d’Adda, che intorno alle 4.30 della notte tra sabato e domenica, hanno ricevuto l’allarme del braccialetto elettronico del quale si era disfatto prima di allontanarsi nell’auto dove è stato ritrovato in stato di semi incoscienza.
Secondo quanto riferito dai militari, l’uomo si sarebbe prima ubriacato e poi avrebbe tentato di togliersi la vita collegando una canna al tubo di scappamento della sua Smart.
Tra i fondatori della band dei Modà, Bovi era stato accusato di  aver abusato di quattro ragazzini tra i 13 e i 16 anni che frequentavano l’oratorio di una chiesa della periferia di Milano, dove l'uomo insegnava chitarra. Ricoverato nell'ospedale di Cernusco sul Naviglio, è stato dimesso e trasferito nel carcere di San Vittore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog