Cerca

Le novità

Agcom, nuove norme contro i siti di film in streaming

Agcom, nuove norme contro i siti di film in streaming

Addio al divano e ai film in streaming sul web. Dal 31 marzo entra infatti in vigore il nuovo regolamento dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni a tutela del diritto d’autore. La novità è che d’ora in poi non solo l’autorità giudiziaria, ma la stessa Agcom, potrà ordinare ai provider (ossia ai fornitori di servizi come ad esempio Telecom o Fastweb) la rimozione di contenuti illegali. Con un procedimento rapidissimo che durerà al massimo 35 giorni, accertamenti compresi. Il nuovo regolamento riguarda ogni “opera digitale” coperta da diritto d’autore: canzoni, fotografie, articoli. E ovviamente anche film. Pellicole e serie tv illegali che oggi è così facile trovare in rete potrebbero scomparire. "Vogliono fare tabula rasa e chiuderci tutti”, dice all’HuffPost l’amministratore di Italia-film, tra le decine di siti che ospitano link di film in streaming. “Perché non intervengono sui siti di hosting che ospitano fisicamente il materiale? Sono loro i veri ‘pirati’, quelli che lucrano sul cinema. La verità è che sono siti impossibili da rintracciare e da chiudere, e allora colpiranno noi che facciamo solo i link”.

Come aggirare l'ostacolo - Per l’avvocato Guido Scorza, esperto di digitale, è verosimile ipotizzare che assisteremo a una fase di transizione in cui trovare film e serie piratati sarà più difficile; ma nel lungo periodo basterà scaricare il software giusto per superare i blocchi. “Oggi basta digitare su Google il titolo di un film per trovarlo in pochi passaggi, domani sarà più complicato. Verrà scoraggiato l’utente pigro e poco abile con il computer. Sarà un forte disincentivo, ma chi vuole davvero continuerà a farlo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolone67

    31 Marzo 2014 - 16:04

    Che rotture di scatole. Ma perché invece che cercare di impedire quello che è ormai palese che le persone VOGLIONO (fruizione agevole di contenuti digitali) non lo regolamentano con un servizio a costi accettabili che mi eviti di dover comprare il DVD per vede decentemente un film?

    Report

    Rispondi

  • decibel

    31 Marzo 2014 - 15:03

    Infinity non decolla ?

    Report

    Rispondi

  • filmgratisonlin

    31 Marzo 2014 - 15:03

    Salve anche io sono un'amistratore di uno dei siti che anno posto sotto sequestro il sito in questione era filmgratisonline.org e anche io come italia-film dico invece di accusare noi e dire che divulgiamo materiale illegale , come mai lo stato italiano e agcom non fanno chiudere i siti che divulgano materiale porno, e pornopedografico? a come li non ce' il diritto d'autore?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    31 Marzo 2014 - 00:12

    Vadano a cagare tutti quanti.Chiuso un sito ne fanno un altro in 30 minuti e su server esteri,così non possono fare nulla e CONTINUEREMO a guardarceli senza rotture di palle.Si attivino invece ad arrestare truffatori ladri and affini senza venirci a rompere le balle a noi che siamo già nella me**da più nera.

    Report

    Rispondi

blog