Cerca

Dopo la bocciatura

Stamina, Vannoni si candida alle Europee

Davide Vannoni

Mentre si apre a Torino il processo contro di lui per tentata truffa ai danni della Regione Piemonte, Davide Vannoni, inventore del metodo Stamina, annuncia la sua candidatura alle elezioni europee. Parlando telefonicamente con l’AGI, Vannoni afferma: "Mi hanno proposto la candidatura Daniele Toto dell’Alde e Claudio Morganti di 'Io cambio'. Sono pronto a scendere in campo con loro per riuscire a cambiare dall’Europa, facendo pressione sul nostro Paese, nel rispetto e nell’interesse dei pazienti".

Toto, imprenditore abruzzese, è stato eletto alla Camera dei deputati nelle liste del Pdl nel 2008 e dopo la mancata riconferma alle politiche del 2013 ha aderito al Partito liberale e all’Alde (Alleanza dei liberaldemoratici per l'Europa, presieduta dall’ex premier belga Guy Verhofstadt)). Un mese fa, Vannoni aveva partecipato con Toto alla presentazione del Pli in Abruzzo. Morganti, eletto nel 2009 al Parlamento europeo con la Lega Nord, è attualmente indipendente e vicesegretario di 'Io cambio', un’aggregazione di liste civiche e movimenti territoriali.

Come tema del suo impegno europeo, Vannoni specifica: "Cosa non secondaria è che bisogna togliere le staminali dal quadrato dei farmaci e riuscire a salvare le vite di molti europei. Lo farei non come politico perché non lo sono, ma perché c'è una battaglia da portare avanti: quella dei malati e di chi ha la speranza di vita, di chi lotta con grande forza. Daniele Toto e Claudio Morganti -continua Vannoni- sono due persone che mettono davanti il bene e la salute dei bambini, ecco perché mi rivedo nel loro progetto". Morganti conferma: "Abbiamo chiesto la disponibilità al Professor Davide Vannoni e con lui c'è un discorso molto ben avviato. Riteniamo che questa possibilità possa concretamente trasformarsi in una opportunità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nillapiz

    03 Aprile 2014 - 11:11

    Vanno', meglio te che ngiolino ngiolì. Si Si.

    Report

    Rispondi

blog