Cerca

In cerca di posto

Di Pietro, un curriculum per sostituire l'arrestato

Di Pietro, un  curriculum per sostituire l'arrestato

Il direttore di Infrastrutture Lombarde, Antonio Rognoni,  è stato arrestato dieci giorni fa con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d'asta. E così l'ex ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, che di cantiere e strade se ne intende, non si è lasciato sfuggire l'occasione ed ha mandato un curriculum per ricoprire quella poltrona. Intervistato da Libero Di Pietro ha smentito, ma fonti della Regione Lombardia hanno confermato la notizia. 

La candidatura - Il bando di selezione per individuare il futuro direttore generale della società che gestisce la costruzione di strade, ospedali e uffici pubblici  e che è coinvolta in Expo 2015, scadrà il 10 aprile. Sarà una commissione di esperti che valuterà le candidature e sceglierà il nome giusto per il posto. "Se ci sarà un bando un candiderò anch'io. Forse ci azzecco a dire cosa portare al magistrato e cosa all'Ingegnere". D'altronde l'ex pm di mani pulite ha già pronte la sua ricetta per Infrastrutture Lombarde: "Bisognerebbe mettere la società in mano a chi non ha conflitti di interesse con quanto deve accertare la magistratura". Ma poi, sentito al telefono da Libero aveva smentito di aver mandato un curriculum. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    06 Aprile 2014 - 17:05

    A chi prende la pensione ( sin dalla giovane età, per giunta) non dovrebbe essere consentito di essere pagato con i soldi pubblici, a meno che non scelga fra pensione e stipendio.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    06 Aprile 2014 - 13:01

    se andasse a vafffaculo? sarebbe ora. Che finaccia, questi sono i nostri magistrati quando non valgono più una beata sega. Con la toga intoccabli, senza dei poveretti da mandare a zappare

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    06 Aprile 2014 - 09:09

    Sto tizio è ancora in giro? a Milano lo chiamavano il parassita per via della propensione che aveva di scroccare vestiti, appartamenti,telefoni,consulenze(per la moglie),auto,soldi etc. etc. e,non ultimo,prestiti in soldoni.

    Report

    Rispondi

  • argo92

    06 Aprile 2014 - 08:08

    guardando la foto si vede il pastore di capre che dichiara la lunghezza del suo pisello e del suo cervello

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog