Cerca

Amanti troppo focosi

Padova, lei urla mentre fanno sesso e lui viene condannato per "stalking condominiale"

Padova, lei urla mentre fanno sesso e lui viene condannato per "stalking condominiale"

Le loro performance sessuali troppo focose li hanno messi nei guai. Un quarantaduenne di Vigodarziere, nel padovano, è stato condannato a sei mesi di reclusione per disturbo della quiete pubblica, perché la sua fidanzata urlava troppo forte durante i loro rapporti sotto le lenzuola. Sembra infatti che i condomini del palazzo in cui la coppia vive venissero svegliati tutte le notti dalle grida di piacere della donna e che abbiano quindi deciso di denunciarle la coppia per cercare di porre fine a questa situazione.

Stalking - Nella denuncia dei dodici condomini si parla di "urla e gemiti che disturbano la quiete dei condomini e il decoro del fabbricato stesso". Per rispondere a queste accuse, i due focosi amanti sono quindi finiti in un'aula del tribunale di Padova, dove il giudice ha deciso di condannare l'uomo a sei mesi di reclusione per "stalking condominiale". Incredulo, il 42enne ha cercato di difendersi sostenendo che tra lo stalking e i rumori molesti c'è una bella differenza, ma il suo intervento è stato inutile. L'avvocato dell'uomo ha già annunciato il ricorso in appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    11 Aprile 2014 - 14:02

    Però...Di tutti i commenti,mio compreso,nessuno ha mai pensato che il Bull glielo dava bene?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    11 Aprile 2014 - 14:02

    Una volta abitavo a Mestre ed ero con una mia amica a..."giocare a tressette" in casa...l'Etna è caldo.Questa era peggio.E poi ero molto più giovane di adesso.Qualcuno,per altruismo,o perchè era preoccupato,ha telefonato dicendomi"Mi scusi,qualcuno sta male?"Mi sembra troppo grossa.Farsi una trombata con tutti i sacri crismi e finire in carcere...Ma siamo in Italia.Tutto è possibile.

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    10 Aprile 2014 - 07:07

    Forse il giudice era una donna ed era invidiosa di quello che provava l'altra. Oppure se donna giudice aveva un marito incapace segaiolo. Se era un giudice uomo forse avrebbe voluto provare anche lui perché come moglie aveva un catorcio. Alcuni giudizi più che il rispetto della legge sembra l'invidia del non poter fare.

    Report

    Rispondi

  • littlefrancisco

    10 Aprile 2014 - 07:07

    Vogliamo scommettere che fra tutti i condomini l'unica coppia che monta è quella dei condannati?

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      11 Aprile 2014 - 14:02

      Non mi dire nulla.Una volta,in trasferta di lavoro sono andato a finire in un condominio abitato tutto da vedove.Per mia fortuna 4 erano tutte abbastanza giovani.Per il resto mancavano i pezzi di ricambio.Ci credi che ho dovuto trasferirmi dopo due mesi?Un'altra volta al pronto soccorso avevo detto che mi era saltata sulla schiena una gatta.Al lavoro ero in condizioni pietose....Ho dovuto scappare

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog