Cerca

Una brutta storia

Bimbi maltrattati e costretti a guardare porno
Arrestato padre-padrone a Lanciano

Bimbi maltrattati e costretti a guardare porno
Arrestato padre-padrone a Lanciano

Pavimenti ricoperti di escrementi, immondizia accumulata ovunque da tempo e film pornografici da guardare insieme al papà. L’inchiesta che questa mattina ha portato all’arresto di un padre di 4 figli, tutti minori, per gravi maltrattamenti in famiglia è partita da un compito scolastico di uno dei bambini, che nel testo ha descritto uno spaccato della sua vita quotidiana. Botte continue, lesioni con armi da taglio che hanno lasciato segni evidenti sui corpi dei bambini, minacce e vessazioni psicologiche da un padre capace, secondo quanto riferiscono gli inquirenti, perfino di obbligarli a vedere con lui film pornografici in una casa dalle condizioni igieniche «aberranti».

Immondizia ovunque - Gli inquirenti che hanno visitato la casa e messo fine a una situazione familiare degradata in una località tra la Val di Sangro e Lanciano affermano di non aver mai visto nulla di simile. L’uomo, disoccupato, in diverse occasioni picchiava anche la moglie, in presenza dei figli; talvolta distruggeva le cose che erano in casa, in preda all’ira. Il padre è stato arrestato questa mattina e trasferito nel carcere di massima sicurezza di Villa Stanazzo su disposizione del gip del tribunale di Lanciano, Marina Valente, che ha accolto la richiesta urgente del pm Rosaria Vecchi; le accuse di cui dovrà rispondere sono di maltrattamento aggravato e lesioni aggravate nei confronti della moglie e dei figli.

Il compito in classe - «L’attività investigativa complessa e delicata ha permesso di ricostruire una vicenda estremamente grave che si è consumata per anni nell’inspiegabile indifferenza delle autorità a vario titolo preposte alla tutela dei minori e che è venuta alla luce solo grazie al grido di dolore lanciato dai bambini in un compito scolastico». Lo dichiara in una nota il dirigente del commissariato di Polizia di Lanciano, Katia Basilico, a proposito dell’indagine svolta sulla casa degli orrori dove dei minori erano maltrattati e costretti a vivere tra escrementi e immondizia dal padre. «Durante le indagini e l’esecuzione della misura cautelare si è avuto modo di constatare che i minori venivano costretti a vivere in condizioni igieniche drammatiche - spiega il dirigente della Polizia di Lanciano - in casa c’era spazzatura in quasi tutte le camere, mucchi di panni sporchi ed escrementi sparsi ovunque sul pavimento, servizi igienici intasati da escrementi e incrostati totalmente, segno di una mancata pulizia da lunghissimo tempo: per queste ragioni è stato necessario l’intervento degli organi deputati ai controlli sanitari che stanno svolgendo le attività di competenza per ristabilire l’idoneità dei luoghi», aggiunge Basilico nella nota. «Le segnalazioni che giungono alle forze di Polizia riguardanti situazioni di condizioni familiari particolari che per qualunque motivo si ha modo di notare e che possono rappresentare dei segnali di allarme per gli operatori di polizia sono importanti - sottolinea il dirigente nella nota - grazie all’intervento degli investigatori, come in questo caso, si possono fermare le condotte riprovevoli e violente assunte in ambito familiare che possono provocare conseguenze dannose per le persone e la loro personalità, soprattutto quando queste sono minori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coruncanio

    15 Aprile 2014 - 13:01

    Le autorità preposte ? Ma a loro quello che interessa è prendere lo stipendio, del resto non gliene frega niente.

    Report

    Rispondi

blog