Cerca

Nel mirino

Maurizio Gasparri rinviato a giudizio per peculato

Maurizio Gasparri

Maurizio Gasparri finisce alla sbarra. Il Senatore di Forza Italia è stato rinviato a giudizio dal gup Cinzia Parasporo per il presunto uso illecito di 600mila euro destinati al funzionamento dell'attivita del Pdl e che invece sono stati investiti nel marzo del 2012 per l'acquisto di una polizza vita intestata a lui, con l'indicazione dei suoi eredi legittimi quali beneficiari in caso di morte. Il processo inizierà il prossimo primo ottobre davanti ai giudici della decima sezione penale del tribunale di Roma. Gasparri, nel dettaglio, dovrà rispondere del reato di peculato, come contestato dal procuratore capo Giuseppe Pignatone, dagli aggiunti Nello Rossi e Francesco Caporale e dai pm Alberto Pioletti e Giorgio Orano.

La difesa del Senatore - "Apprendo con sorpresa e amarezza che è stato disposto il mio rinvio a giudizio - ha commentato Gasparri -. Ritenevo che l'evidenza dei fatti imponesse una decisione diversa. Così non è stato". Il senatore di Forza Italia aggiunge: "Il dibattimento pubblico consentirà una conoscenza puntuale della vicenda e si comprenderà che non ho mai sottoscritto una polizza vita e che mi sono limitato a tutelare il gruppo parlamentare in previsione di una serie di contenziosi ai quali stava andando incontro". Gasparri conclude: "Mi difenderò ribadendo le cose che ho detto finora perché questa è la verità, ed è una verità che non ammette alcuna interpretazione critica, così come è stato fatto da chi ha ritenuto di individuare nei miei comportamenti profili contestabili. Sono assolutamente sereno perché forte della verità dei fatti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    10 Maggio 2014 - 17:05

    Gasparri...indagato???... Ma non si salva proprio nessuno!!!..........

    Report

    Rispondi

  • agosman

    21 Aprile 2014 - 21:09

    Questo è un altro di quelli che se non sarà cacciato a pedate da FI farà perdere ancora di più i già scarsi voti alle prossime europee e peggio ancora alle prossime politiche nazionali. La sua difesa fa ridere ed è un oltraggio all'intelligenza umana. Lo vedremo al dibattimento se mai ci sarà. Io credo che scieglierà il rito abbreviato o il patteggiamento e non affronterà un pubblico dibattimento

    Report

    Rispondi

  • milleottocentosedici

    17 Aprile 2014 - 09:09

    un altro perseguitato!?

    Report

    Rispondi

    • Davylife

      17 Aprile 2014 - 10:10

      ... i soliti!! Brunetta ... stiamo arrivando. Vedo che la campagna elettorale è partita. Cos'è grillo vi fa fare gli straordinari!! Ai magistrati non serve, il pilota è automatico

      Report

      Rispondi

  • Davylife

    17 Aprile 2014 - 09:09

    al lupo, al lupo... come le favole insegnano ai bambini .. e chi se ne frega.!! PS: ma vi pare possibile che tutti i ladri si candidino in FI. Se lo fossi non avrei dubbi, meglio il PD (se non ammazzo nessuno, ho la certezza di cavarmela)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog