Cerca

La tragedia

Sud Corea, il comandante non era al timone quando è affondato il traghetto

Sud Corea,  il comandante non era al timone quando è affondato il traghetto

Uno Schettino in Corea. Non solo ha abbandonato tra i primi il traghetto sud-coreano Sewol, affondato due giorni fa con 477 passeggeri a bordo tra cui 352 studenti, ma al momento in cui la nave si è rovesciata nemmeno era al timone. Così il comandante, 69enne, Lee Joon-seok è finito nella bufera. Secondo il procuratore Pak Jae-eok il comandante "era sul retro". Intanto, più di 48 ore dopo il naufragio, proseguono le ricerche dei dispersi, ma le condizioni meteorologiche mutevoli, le forti correnti e la visibilità quasi nulla ostacolano pesantemente il lavoro degli oltre cinquecento sommozzatori impegnati nelle ricerche dei dispersi, che non sono ancora riusciti ad aprirsi un varco per entrare nel relitto. Che da oggi sarà ancora più complesso: venerdì il traghetto si è inabissato completamente in mare.

Come Schettino - Lo ha reso noto il ministero della Difesa, spiegando che i sommozzatori della marina hanno posizionato sul traghetto dei congegni galleggianti allo scopo di impedire al Sewol di inabissarsi ulteriormente. Finora era visibile la parte inferiore della chiglia, che spuntava dall’acqua. Al timone del traghetto al momento della tragedia c'era una ufficiale con solo sei mesi di esperienza. Il terzo ufficiale al timone, su disposizione del capitano del traghetto Sewol, affondato al largo della coste meridionali della Corea del Sud, era una donna di 26 anni, assunta dalla compagnia di navigazione 6 mesi prima e con un'esperienza di un anno. Secondo i media di Seul, per lei c'è uno dei tre mandati d'arresto disposti dalla procura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefano.greci

    20 Aprile 2014 - 06:06

    L'arrogante è colui che si permette di dire agli altri di cambiare religione. Certi atteggiamenti sono dovuti alla cultura e non alla religione.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    19 Aprile 2014 - 15:03

    una italia marcia del ''nessuno colpevole, e del perdono cattolico''. Una italia marcia Anche nel paragone di due comandanti, entrambi colpevoli - L'italiano arrogante che pretende impunità e perdono, e l'atro Coreano che AMMETTE E SI VERGOGNA IN DIRETTA TV. Quale religione e cultura hanno i coreani ? quella BUDDISTA ? BENE, CREDO SIA ORA 'PER NOI' DI CAMBIARE SIA RELIGIONE CHE MORALE.

    Report

    Rispondi

  • stefano.greci

    19 Aprile 2014 - 10:10

    Il comandante non è mai al timone, su nessuna compagnia al mondo , deve stare davanti ai radar con un binocolo in mano e dire al timoniere di quanti gradi deve virare, e al timone ci può stare anche un marinaio semplice senza esperienza.

    Report

    Rispondi

blog