Cerca

La storia

Diventa un genio della matematica dopo un pugno in testa

Diventa un genio della matematica dopo un pugno in testa

A cambiargli la vita non è stata né una donna né una vincita di un montepremi, bensì una raffica di pugni in testa ricevuti in una rissa in un karaoke di Tacoma, stato di Washington, Usa, 11 anni fa. Dopo essersi ripreso dai cazzotti, Jason Padgett, oggi 31enne, era un'altra persona. Inizia a vedere poligoni ovunque, spirali nella panna versata nel caffè e teoremi di Pitagora nel movimento delle foglie. Ma soprattutto compie calcoli difficilissimi e riesce a ricordare i libri al contrario. Un vero e proprio genio. Come riporta il Corriere della Sera, il ragazzo è stato colpito da una vera e propria sindrome, chiamata sindrome da savantismo acquisito. Si calcola che in tutto il mondo esistano solo una quarantina di persone che ne sono state colpite. I test medici ai quali si è sottoposto hanno certificato una grave lesione all'emisfero del destro del cervello, cosa che ha innescato una super attivazione di quello sinistro.

La vecchia vita - Prima della sua nuova vita, Jason era un ragazzo totalmente diverso da quello che è ora. Non sopportava l'università e agli studi preferiva la palestra e la bella vita dei night. Dopo il cazzotto che gli ha "donato" la super-intelligenza, ha iniziato a studiare matematica e fisica. Dunque ha preso a disegnare a mano i frattali, affascinanti figure che restano uguali anche osservate con la lente di ingrandimento. Ha scritto un libro per raccontare la sua esperienza: Struck by genius (Fulminato dal genio, ndr), caratterizzato da un sottotitolo altrettanto a effetto: "Come un trauma cerebrale mi ha reso un prodigio della matematica". La pubblicazione è stata scritta a quattro mani insieme a Maureen Seaberg, la scrittrice che lo ha convinto a sottoporsi ai test medici che hanno confermato le sue nuove capacità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Pinkalikoi

    24 Aprile 2014 - 15:03

    Che sia il caso di sottoporre ad una terapia di pugni sulla zucca anche i nostri politici?

    Report

    Rispondi

blog