Cerca

Intervista all'Ansa

Ali Agca: "Papa Wojtyla l'ha salvato Dio. Ora non fatelo santo". La sua verità sul caso Orlandi

Ali Agca: "Papa Wojtyla l'ha salvato Dio. Ora non fatelo santo". La sua verità sul caso Orlandi

"Volevo ucciderlo ma Dio l'ha salvato": parola di Alì Agca, l'attentatore di Papa Wojtyla che il 13 maggio1981 sparò davanti a tutti in Piazza San Pietro. A pochi giorni dalla canonizzazione di Giovanni Paolo II, l'uomo che tentò di uccidere il Pontefice svela i retroscena di quel giorno: "Io volevo assolutamente uccidere il Papa e volevo morire in Piazza San Pietro per suicidio o linciaggio che fosse. Dopo diversi anni io ho capito e ho visto, con delle prove personali e indiscutibili, che Dio ha realizzato un miracolo in Piazza San Pietro", ha raccontato Alì Agca in un'intervista all'Ansa.

"Non fatelo santo" - Intanto è partito il conto alla rovescia per domenica, quando il pontefice polacco sarà dichiarato Santo insieme a Papa Roncalli. "Se definiamo la santità umana come un modello umano migliore da proporre e presentare all'umanità - ha continuato l'uomo - allora Giovanni Paolo II merita di essere definito la persona migliore del secolo. Non per questo però deve diventare santo. Deificare un essere umano è un peccato imperdonabile contro Dio". Inoltre, il turco non si dice affatto pentito per l'attentato a Papa Wojtyla: "Il mio attentato al Papa fu un miracolo divino: è molto diverso da un crimine psicopatico ingiustificabile come l'uccisione di Aldo Moro: io sono felicissimo di essere stato al centro di un piano divino che mi è costato 30 anni infernali in cella di isolamento".

Il caso Orlandi - Ma Agca non si è fermato qui, raccontando il suo parere sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, la ragazza romana sparita dopo l'attentato a Wojtyla: "Alcuni servizi segreti occidentali sanno perfettamente che la Orlandi si trova attualmente nelle mani del Governo Vaticano. Papa Francesco potrebbe ordinare al governo del Vaticano di liberarla immediatamente. Probabilmente sarà ospite di qualche convento di clausura".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    25 Aprile 2014 - 15:03

    il posto adatto a questo tizio è in vaticano... tra suonati e fanatici e profittatori, sarebbe proprio in buona compagnia.... dopo di chè, fattone tutto un fascio, faremmo bene a buttarli tutti nel cesso. Ne guadagneremmo in soldi, in tranquillità, e civiltà sociale.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    25 Aprile 2014 - 14:02

    Non è proprio il caso di dar peso a sto turco potenziale assassino e tutto scemo. Agca non ha ancora capito che i servizi segreti bulgari andarono a trovarlo in carcere solo, per raccomandarsi che lui non parlasse, in cambio lo avrebbero liberato e nacque così la leggenda dello scambio Emanuela con Agca. Sto deficiente non sa niente di Emanuela e secondo come gli gira dice solo stronzate.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    24 Aprile 2014 - 22:10

    Ma che cazzo deve parlare sto analfabeta paranoico. E i giornali che gli danno spazio......! Dimenticare sto personaggio megalomane!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • filder

    24 Aprile 2014 - 22:10

    Gente del genere dovrebbero restare in prigione tutta la vita:per carità non diamo credito a questo pazzo esaltato bugiardo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog