Cerca

Il braccio di ferro

Italicum e Senato, Berlusconi rompe sulle riforme. E Renzi lo minaccia: voto in autunno

Italicum e Senato, Berlusconi rompe sulle riforme. E Renzi lo minaccia: voto in autunno

Tra Renzi e Berlusconi è una battaglia di tentazioni: far saltare l'intesa sulle riforme e voto anticipato, mosse rischiose in grado si spaventare sì l'avversario, ma anche di trasformarsi rapidamente in un clamoroso, fatale autogol. L'affondo di Silvio Berlusconi a Porta a porta su Italicum e riforma del Senato ("Legge elettorale incostituzionale, riforma di Palazzo Madama invotabile") non è piaciuta affatto ai renziani del Pd. Qualcuno ha iniziato ad affacciare l'ipotesi di "ribaltare il tavolo". Non a caso, è stato proprio Matteo Renzi a raffreddare gli animi: sulle riforme si deve andare avanti, almeno fino alle elezioni europee. Non c'è dubbio che la scadenza del 25 maggio sia il punto di svolta sia per il premier sia per il Cavaliere. Il leader di Forza Italia non vuole consegnare alle urne un Renzi vincitore su tutti i fronti: 80 euro in più in busta paga ("Una mancia elettorale", l'ha definita il Cav) e intesa sulle riforme incassata. Troppo. Allo stesso modo, però, Berlusconi è in una morsa: rompere sulle riforme significherebbe passare, davanti all'elettorato, come colui che difende lo status quo e la Casta. Troppo, anche in questo caso. Ecco perché Italicum e Senato sono destinati a finire in ghiaccio per qualche settimana, tutto slitterà dopo il verdetto delle europee. 

La minaccia di Renzi - Da giugno si tireranno dunque i conti. Se Forza Italia farà flop, stando sotto il 20%, è probabile che la rottura dell'asse con il premier sia una strada obbligata. Solo allora Renzi farà scattare la minaccia: Berlusconi non vuole fare le riforme? E allora andiamo a votare in autunno, con una legge elettorale fatta a maggioranza politica e non più allargata. Un inghippo da cui Forza Italia rischierebbe di uscire con le ossa rotte. Sicuri però che senza riforme e con una politica economica ancora piena di buchi, al segretario del Pd convenga andare al braccio di ferro delle urne con un Beppe Grillo sempre più baldanzoso?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    26 Aprile 2014 - 10:10

    imahfu ah beh, se lo dici tu, che sai sempre tutto (ahahahah) c'è da avere paura! ahahahahah

    Report

    Rispondi

    • imahfu

      19 Maggio 2014 - 19:07

      Nn sono io a saper tutto. Sei tu a non saper niente.

      Report

      Rispondi

    • blu521

      26 Aprile 2014 - 13:01

      Come se non lo sapesse pure lei.

      Report

      Rispondi

  • Beppe.demilio

    26 Aprile 2014 - 07:07

    L'arma segreta di Renzi è Napolitano e fino a quando ci sarà lui Renzi è protetto . Questa è la sola verità di questo paese allo sfascio. Arma segreta? Siamo invasi da tutto il mondo. I giovani fuggono perché presi a calci in culo. Gli anziani soffrono sempre di più. L'economia va sempre peggio. I suicidi in continuo aumento. I senza lavoro sono sempre di più. Il comico Renzi GODE!

    Report

    Rispondi

    • blu521

      26 Aprile 2014 - 13:01

      E fa accordi con il pregiudicato

      Report

      Rispondi

  • imahfu

    25 Aprile 2014 - 12:12

    Se si va alle elezioni, per ora, l'ex cav. non é eleggibile. Poi, é il terzo partito e tale rimarrà...se ne stanno andando tutti...

    Report

    Rispondi

blog