Cerca

Delitto di Cogne

Nuova perizia sulla mamma di Samuele
"La Franzoni è socialmente pericolosa"

Annamaria Franzoni

Annamaria Franzoni è socialmente pericolosa. Lo sostiene, secondo quanto rivelato durante la puntata di ’Quarto Grado' andata in onda ieri sera su Rete Quattro, l’ultima perizia psichiatrica sul rischio di recidiva della madre di Cogne, condannata a 16 anni di reclusione per l’omicidio del figlio Samuele Lorenzi, avvenuto nel 2002.
Per il professor Augusto Balloni, incaricato dal giudice del Tribunale di sorveglianza di Bologna, Annamaria soffre di un «disturbo di adattamento» per «preoccupazione, facilità al pianto, problemi di interazione con il sistema carcerario» perché continua a proclamarsi innocente e ritiene ingiusta la condanna. Sussistono pertanto condizioni di «pericolosità sociale» da affrontare con una «psicoterapia di supporto». Di parere opposto, invece, le conclusioni del consulente della difesa, professor Pietro Pietrini.
La Franzoni, dopo aver scontato un terzo della pena per il delitto di Samuele, aveva chiesto la detenzione domiciliare, prevista dalla legge in presenza di un figlio con meno di dieci anni. Ora sarà il Tribunale a decidere se concedere o meno il ritorno a casa della donna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sarudy

    03 Maggio 2014 - 19:07

    E' una storia molto triste, perché la Franzoni è molto malata (disturbata mentalmente) e quindi pericolosa. Ai signori psicologi bastava dare più peso a quello che lei ha detto al marito abbracciandolo mentre portavano il piccolo Samuele con l'elicottero in ospedale. Come una bambina che aveva rotto un vaso disse: ne facciamo uno nuovo? Non basta per capire il senso di colpa che si portava dentro?

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    26 Aprile 2014 - 22:10

    Bruno....daccordo sul senegalese...ma darci dei coglioni... per dubitare sulla sua innocenza ....mi pare un tantino esagerato. È stata condannata da persone competenti e io che non ho titoli per poter affermare il contrario....accetto il loro responso. Personalmente mi inquieta come persona e preferirei non abitarci vicino

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    26 Aprile 2014 - 21:09

    Concordo con la perizia di Balloni. Non un segno di pentimento, non un'incrinatura nel suo muro di pianti, di non ricordo, di narrazioni assurde. E' chiaro che lei non ricorda niente per davvero quindi soffre effettivamente di un grave disturbo mentale che non so definire ma che la rende pericolosa. Liberarla sarebbe molto stupido.

    Report

    Rispondi

  • libero.bruno

    26 Aprile 2014 - 19:07

    di socilmente pericoloso ce solo lo psichiatra che ha rilasciato quella perizia..Lasciatela libera ..Moralisti,giustizialisti..tutti a condannare ed elucubrare fantasie da films dell'orrore...Certo una giovane madre Italiana deve restare in galera ,condannata senza prove...mentre un senegalese che ha ucciso tre italiani è recuperabile dopo pochi anni di ospedale...coglioni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog