Cerca

Caso riaperto

Delitto di Garlasco, la Corte d'Appello: nuove perizie su Alberto Stasi

Delitto di Garlasco, la Corte d'Appello: nuove perizie su Alberto Stasi

Si riapre il processo per l'omicidio di Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco il 13 agosto del 2007, che vede come imputato Alberto Stasi. La Corte d'Assise d'Appello di Milano, infatti, ha disposto il rinnovo dibattimentale con l'integrazione di nuovi esami. La decisione è stata presa dai giudici del nuovo processo di secondo grado che hanno voluto accogliere tutte le richieste avanzate da Gian Luigi Tizzoni, avvocato della vittima, e dal pm Laura Barbaini. Adesso, dovranno essere fissati i termini delle nuove consulenze e sarà stabilito a chi affidarle. "Siamo tranquilli perché questi approfondimenti dimostreranno l'innocenza di Alberto", questo il commento dell’avvocato Fabio Giarda, uno dei legali del pool della difesa di Stasi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • silvano45

    01 Maggio 2014 - 14:02

    far durare un processo anni è una barbaria indegna di un paese civile che solo la giustizia italiana e questa magistratura è capace di compiere certo che se si pensa solo ai lauti stipendi alla politica a detenere i molti inutili e incompatibil privilegi, la giustizia va a rotoli e con essa la costituzione .Allora sorge una domanda questo non è un attentato alla costituzione?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    01 Maggio 2014 - 08:08

    è sempre troppo tardi, oramai non troveranno nulla per provare che questo segaiolo l'ha passata liscia fino ad ora. Ho visto la ricostruzione della camminata fatta fra le pozze di sangue della poverina se camminasse in quel modo bisognerebbe ricoverarlo e fargli raddrizzare le gambe magari con un bel randello. Povera italietta in che mani siamo, giudici, polizia, ris, ros bis bos, 4 serie scaduta

    Report

    Rispondi

  • stefano.greci

    01 Maggio 2014 - 03:03

    Voi magistrati non avete un cazzo da fare, ma non potete tenere in ballo secoli una persona per un processo. Se un imbecille si sveglia dopo anni con delle prove licenziatelo e fate in modo che i suoi successori siano solerti. Capite vero solerti?

    Report

    Rispondi

  • gitex

    30 Aprile 2014 - 20:08

    quando un processo dura così a lungo perde ogni credibilità; è una tragedia che diventa farsa. Cmq tutto in perfetto stile italiano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog