Cerca

Dopo il ko 2-1 all'andata

Europa League, Juventus eliminata: 0-0 col Benfica, niente finale

Europa League, Juventus eliminata: 0-0 col Benfica, niente finale

Europa stregata per la Juventus: lo 0-0 di Torino contro i portoghesi del Benfica elimina la squadra di Antonio Conte dall'Europa League a un passo dalla finalissima che si disputerà proprio a Torino. Fatale la sconfitta nella semifinale d'andata a Lisbona per 2-1, che condanna alla seconda delusione continentale i probabili tri-campioni d'Italia, usciti dalla Champions League nel girone eliminatorio. Ora si mette male anche per l'Italia, che rischia di essere scavalcata dal Portogallo nei parametri Uefa e perdere un posto nelle coppe delle prossime stagioni. Il Benfica si giocherà la coppa contro il Siviglia, che ha sfiorato l'eliminazione dopo aver vinto 2-0 l'andata contro il Valencia: al Mestalla perde 3-1 e il gol decisivo di Mbia arriva al 94'.

L'occasione di Vidal - Il Benfica si conferma avversario ostico: ben organizzato, attentissimo in difesa, rapido nelle ripartenze con lo spagnolo Rodrigo pericoloso in contropiede. La squadra di Conte punta tutto sull'agonismo, il ritmo e gli affondi sugli esterni, con Lichtsteiner e Asamoah costantemente nei pressi dell'area di Luisao e compagni. Non a caso, l'occasione maggiore arriva nel recupero del primo tempo, con un cross del ghanese dalla sinistra che trova Vidal sul secondo palo, colpo di testa a incrociare del cileno e salvataggio sulla linea della difesa bianconera. Prima c'era stato un gran destro da fuori di Pirlo, sfiorato in volo da Oblak.

L'assedio finale - La ripresa inizia con i lusitani pericolosi due volte con Rodrigo, ma al 68' arriva l'espulsione di Lopez per doppio giallo a cambiare le carte in tavola. La Juve torna arrembante, la pressione aumenta ma il portiere degli ospiti è sempre ben protetto dalla difesa a quattro orchestrata dal tecnico Jorge Jesus. A 10' dalla fine è Lichsteiner a bucare un cross perfetto di Marchisio a due passi dalla porta. Pochi secondi dopo lo Juventus Stadium esplode: palla in area che Pogba rimette in mezzo in acrobazia e Osvaldo, subentrato a Llorente, infila di destrezza. E' il gol qualificazione, ma l'arbitro inglese Clattenburg annulla giustamente per fuorigioco del francese. Il finale è infuocato: i giocatori del Benfica perdono secondi preziosi, scattano le proteste e arrivano due rossi per le rispettive panchine, a Vucinic e Markovic. Il finale con 8 minuti di recupero è un assedio sfortunato, con Oblak sempre sugli scudi. No, l'Europa non è ancora un Paese per la Juve.

di Claudio Brigliadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aquila azzurra2

    02 Maggio 2014 - 19:07

    il calcio italiano è retrocesso da tempo , bisogna prenderne atto: niente stadi, niente allenatori di valore, niente calciatori top player, le società con perdite paurose. Ricominciare da capo? e chi ci crede più, ormai quello che succede in questo paese è tutto sullo stesso piano: politica, lavoro, sport , educazione,etc. Un disastro generale!

    Report

    Rispondi

  • giolza

    02 Maggio 2014 - 14:02

    La società Juventina deve Investire per rendere competitiva la nostra squadra a livello europeo non continuate a prenderci in giro con questi scudetti vogliamo essere grandi in europa

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    02 Maggio 2014 - 10:10

    una riflessione su pogba,ma e' davvero questo fuoriclasse come viene definito? a me sembra un po' strafottente e gasato proprio dai telecronisti come ieri sera,il cronista continuava a lodarlo come una star,ogni volta che toccava il pallone si entusiasmava in giganteschi elogi di bravura mostruosa,sinceramente e' solo un buon giocatore ma molto sopravalutato dalla stampa.

    Report

    Rispondi

    • kulpe

      02 Maggio 2014 - 13:01

      i giocatori juventini sono esaltati dai media su ordine della dirigenza juventina che cosí vede il loro valore aumentare e quindi ricavarci degli euri dalla loro cessione. fateci caso, spesso la juve compra giocatori sconosciuti o considerati delle cotiche, alla juve diventano dei campionissimi straordinari e quando poi cambiano casacca ritornano a essere delle cotiche!

      Report

      Rispondi

  • biasini

    02 Maggio 2014 - 09:09

    Purtroppo le trasmissioni TV affidate a Mediaset, per nostra fortuna gratuite, sono rovinate dai telecronisti. Ieri sera il demente di turno, partito con una sentenza sulla tattica: "gioca con un quattro, uno, uno, uno, uno" non ne azzeccava una, gradava e non vedeva quello che succedeva il campo. Logorroico e incompetente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog