Cerca

Cultura e piccolo schermo

Berlusconi: "La Rai fa pubblicità alla mafia"

Dal Cav un duro attacco alle fiction in onda sulla televisione pubblica

E' un Berlusconi in gran forma quello che oggi ha parlato di cultura e di imprese presso la sede di Forza Italia di San Lorenzo in Lucina, a Roma. Il Cav ha rivendicato il suo ruolo di "primi imprenditore culturale d'Italia" per poi tornare sul tema della de-tassazione che ha in questi giorni posto al centro della sua campagna elettorale: "Dobbiamo detassare le imprese che si occupano di cultura, per questo è l'unico modo per favorirla" ha detto il Cav. "Quando eravamo al governo lo abbiamo fatto, ma solo parzialmente, forse avremmo dovuto avere più coraggio". Poi Berlusconi ha esteso il discorso al ruolo culturale che la tv ha tra biopic e fiction, tirando una frecciata alla Rai: "La televisione pubblica, con alcune delle sue fiction, fa pubblicità alla mafia. Noi questo non lo abbiamo mai fatto, noi facciamo e abbiamo sempre fatto fiction per promuovere l'Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog