Cerca

Mode macabre

Giovani tra "selfie" e "vampirite": bevono il sangue umano

Giovani tra "selfie" e "vampirite": bevono il sangue umano

Imitano i vampiri e si scattano selfie. Queste sono le due manie che stanno spopolando tra i giovani e che preoccupano gli adulti. Almeno questo è quanto affermano la pediatra Teresa De Toni e lo psicoterapeuta Federico Bianchi di Castelbianco, che hanno analizzato le ultime mode degli adolescenti durante il corso interdisciplinare di aggiornamento in Adolescentologia, che si è tenuto nell'Università di Genova nei giorni scorsi. 

I selfie - "La selfite è una vera e propria patologia - spiega la dottoressa de Toni durante il suo intervento - legata al mancato riconoscimento del proprio corpo; è stata addirittura inserita nel dizionario di Oxford. La smania di scattarsi foto può impegnarli anche 10 ore al giorno e la selezione della foto più cool, dicono gli esperti, può impiegare tantissimo tempo". 

La vampirite - Ma quello che preoccupa maggiormente gli esperti è quella che è stata chiamata vampirite. Si tratta della mania di imitare i vampiri - protagonisti di moltissimi romanzi e film che hanno conquistato i giovanissimi - che sono arrivati a imitare i loro nuovi "idoli" bevendo sangue umano. Come spiega lo psicoterapeuta Bianchi di Castelbianco, questa è "una tendenza forse legata a tutte le recenti saghe sui vampiri. Infatti non si tratta solo di un adulto squilibrato che crea una setta per indurre i suoi membri a bere sangue come rito di iniziazione. C'è proprio un'emulazione dei vampiri ed esiste addirittura una categoria di giovani donatori e una di giovani bevitori. Il tutto avviene in fortissimo segreto, con i conseguenti rischi che derivano dal bere sangue". 

Come bloccare queste manie - Gli esperti si dicono preoccupati per questi fenomeni che sono entrambi molto diffusi e che denotano un problema nel carattere e nella psiche dei giovani che seguono queste mode. La soluzione più immediata che i medici propongono è che i genitori riprendano "il proprio ruolo - afferma Bianchi di Castelbianco - e si impegnino in soluzioni vere. Soprattutto devono rendersi conto che molte delle cose che fanno gli adolescenti sono conseguenza dell'essere lasciati soli di fronte alle mode". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    14 Maggio 2014 - 08:08

    Ogni generazione ha i suoi eccessi tuttavia quella attuale esagera.

    Report

    Rispondi

blog