Cerca

L'editoriale

Il complotto dell'Europa contro Silvio

14 Maggio 2014

5

Quando in tv Silvio Berlusconi dice che in Italia c’è stato un colpo di Stato, con il quale si è abolita la democrazia e cancellata la volontà popolare, la maggior parte delle persone che lo ascolta fa un sorrisino di compatimento, quasi che il Cavaliere abbia raccontato una barzelletta sconcia. Per i più, per la stampa di sinistra, quella del leader di Forza Italia sarebbe solo una sparata, in linea con la sua ossessione di essere vittima di un complotto cominciato nel 1994 con Oscar Luigi Scalfaro e finito con la mancata grazia di Giorgio Napolitano. Può darsi che Berlusconi a volte sembri un tantino paranoico e che veda nemici là dove non ci sono, però su una cosa ha ragione: se quello del novembre 2011 non è stato un colpo di Stato, poco ci manca. Certo, non si tratta di un golpe cileno, con tanto di attacco alla Moneda e arresto di tutte le forze di opposizione (anche se in molti del centrodestra sono finiti o stanno finendo dietro le sbarre o ai servizi sociali). (...)


Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi il commento integrale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linhof

    19 Novembre 2014 - 18:06

    La sinistra canta vittoria ma qui non si è danneggiato Berlusconi, che ha tutti gli strumenti per fregarsene, qui si è danneggiata l'Italia. Se ci fosse una vera magistratura si farebbe chiarezza ma si sa, si presenta in pompa magna quando arrestano uno sfigato di mago ma quando ci sono cose importantissime è latitante, gli manca sempre la carta per le fotocopie!

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    15 Maggio 2014 - 15:03

    Purtroppo a furia di presentarsi in modo servile in Europa, PD e non parliamo di Monti, veniamo trattati da servi; mi sembra del tutto conseguente che B. che non e ne servo ne leccapiedi andava fatto fuori. Amareggia che il tutto sia accaduto con il placet delĺacqua sinistra che si e dimenticata del Paese; forse i successori pensavano di essere trattati meglio. ILLUSI.

    Report

    Rispondi

  • Peo

    14 Maggio 2014 - 18:06

    Il fatto sconcertante è che ci sia stato bisogno del libro dell'Amerikano perché l'opinione pubblica realizzasse una cosa chiara anche ai ciechi. E comunque tutti se ne sbattono le palle. Contenti loro...(c'è a chi piace essere fottuto: evidentemente si tratta di cosa "moderna")

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media