Cerca

L'editoriale

Dopo il 25 maggio arriveranno altre tasse

16 Maggio 2014

2

Qualche giorno fa, intervistando in tv il presidente del Consiglio, gli ho chiesto quando avrebbe preso le decisioni riguardanti i disoccupati e i pensionati. Matteo Renzi ha risposto che i provvedimenti sarebbero stati approvati entro la fine dell'anno in coincidenza con la legge di stabilità, spostando dunque a dopo l'estate una delle questioni centrali di cui dovrà occuparsi il governo. In realtà il premier non ha tutto questo tempo a disposizione e molto prima di quanto immagina dovrà affrontare i nodi della sua politica economica. La scadenza vera per l’ex sindaco infatti non sono le elezioni di fine mese, ma ciò che accadrà dopo, cioè a giugno: quello è l’appuntamento che si deve tenere presente per capire se l’esecutivo reggerà o invece dovrà cedere il passo alle elezioni o a qualcosa d’altro. (...)


Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero e leggi il commento integrale di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    16 Maggio 2014 - 09:09

    Da oltre 60 anni si va avanti così , ancora oggi nel 2014 così come è ridotto il bel (era) paese , invece di mettere le carte a tavola si fa il doppio gioco nel periodo elettorale , di questo passo ci aggancieranno al carro della troika .

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Maggio 2014 - 09:09

    Le 'tasse'', in realtà ''imposte'', continue e elevate sono la misura della mancata politica finanziaria e industriale di troppi anni dove le maggioranze stratosferiche avrebbero consentito al cav. di agire Colpe dirette ascrivibili alle 'bravate' bunga-bunga e affini. Il paese é stato fermo e chi sta fermo oggi, domani crolla.

    Report

    Rispondi

media