Cerca

Innocenzi giù

Anno Uno non convince gli ascoltatori: 8,17% di share

Anno Uno non convince gli ascoltatori: 8,17% di share

Dopo l'esordio col botto della scorsa settimana, arriva il calo. Per la santorina Giulia Innocenzi con il suo Anno Uno, la trasmissione con cui si è presa lo spazio del Servizio Pubblico di Michele Santoro, che comunque appare in trasmissione per vigilare la sua "casa", la serata del 15 maggio non è stata delle migliori. Su La7 la seconda puntata del progamma, che ha ospitato Matteo Salvini e Cecilie Kyenge, ha ottenuto 1.789.000 telespettatori, per uno share dell’8,17%. Considerando che la scorsa settimana, alla prima puntata, era ospite Matteo Renzi, il dato non è, apparentemente, così sconvolgente. Ma se si guarda le altre trasmissioni ci si rende conto come il programma della santorina è stato sorpassato da Nonno Libero e Aldo, Giovanni e Giacomo, che non sono più quelli di una volta dello show che tanto aveva spopolato: Tel chi el telùn. Chissà forse la formula talk show stile assemblea di istituto inizia a non piacere. A parlare sono i dati di Tvblog.it.

La classifica ascolti - Alla testa della classifica degli ascolti di ieri c'è il solito Un Medico in Famiglia 9, che con le due puntate ha fatto registrare rispettivamente 5.577.000 telespettatori, share del 20,69% e 5.357.000, 24,1%. Share netto 22,2%. Al secondo posto, la seconda puntata di Ammutta Muddica, con Aldo, Giovanni e Giacomo, con un ascolto di 3.424.000 telespettatori, share del 13,07%. E infine sul podio sale Anno Uno con l'8,17 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    16 Maggio 2014 - 20:08

    Come volevasi dimostrare, anche se i dati Auditel sono sempre fasulli.

    Report

    Rispondi

  • milibe

    16 Maggio 2014 - 19:07

    era prevedibile: innocenzi non interessa a nessuno, l'ascolto della prima puntata era solo dovuto alla presenza di renzi, meglio santoro per quanto criticabile ma sa fare il giornalista

    Report

    Rispondi

blog