Cerca

L'editoriale

Le battute di Grillo ci fan ridere, ma ci seppelliranno

21 Maggio 2014

6

Secondo l’Auditel a vedere Beppe Grillo l’altra sera da Vespa sono stati in media 4,3 milioni di italiani, per uno share di poco inferiore al 27 per cento. Se si considera che in genere, a quell’ora, a seguire Porta a Porta sono circa un milione di persone, quello del leader a Cinque stelle (e del conduttore Rai) è stato un autentico successo. Ma oltre ai dati di ascolto, a testimoniare la buona riuscita dell’operazione sono i commenti di telespettatori e telecritici. Chi si aspettava un Grillo travolgente, stile comizio in piazza, o anche solo un leader arrabbiato tipo quello che ci toccò di vedere in diretta streaming a colloquio con Renzi, è rimasto deluso. Grillo è stato pungente, ironico, un po’ strabordante, ma non ha rotto gli argini. Entrato nella parte, alla fine l’ex comico ha anche battuto il «cinque» e fatto il «selfie» (cioè l’autoscatto da mettere in rete) a Vespa, come una star del piccolo schermo che ha recitato bene la sua parte.

E in effetti il leader dei pentastellati ha impersonato magnificamente il suo ruolo. Capito che non era in una piazza arrabbiata, piena di gente venuta lì per sentirlo urlare contro la Casta, ma in un salotto tv per parlare a gente seduta tranquilla nel salotto di casa, Grillo ha smorzato i toni cercando di apparire «uno che non farebbe male a una mosca, e dunque nemmeno a un Vespa», come ha chiosato Marco Travaglio. E però, anche se ha levigato le parole, badando bene di renderle meno graffianti, l’uomo ha detto alcune cose che all’elettorato moderato dovrebbero far rizzare le antenne. Prima questione, il processo alla classe dirigente di questo Paese. Che gli italiani siano vittime degli errori (e a volte delle ruberie) di una classe politica è fuori di dubbio. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    24 Maggio 2014 - 12:12

    Quello di Grillo è un nuovo modo di far politica. Ha semplicemente applicato l'arte del buffone che ha imparato bene nella sua vita di attore comico e che gli ha data discrete soddisfazioni più economiche che artistiche, incantando gente abituata a vedere in cattedra la nostra mediocre classe politica fatta dai Prodi, Veltroni , Bersani, D'Alema, Fini,, Alfano, ecc.....

    Report

    Rispondi

  • Peo

    21 Maggio 2014 - 17:05

    Quando si parla delle tricoteuses, che sferruzzavano quando i nobili francesi finivano sulla ghigliottina tutti inorridiscono. Sono però gli stessi che ora si preparano entusiasti a fare a breve la medesima cosa. C'è qualcosa che non va in tutto questo. Di sommamente ipocrita.

    Report

    Rispondi

  • enio rossi

    21 Maggio 2014 - 16:04

    In ogni caso meglio Grillo che il buonismo di una sinistra che, appoggiata dalla magistratura e dai "poteri forti", ci porta giorno dopo giorno alla morte, senza rimedio. Chiunque possa rompere almeno parzialmente questa omertà è il benvenuto.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media