Cerca

La ricetta del chirurgo sindaco

Marino pro-cannabis: "Marijuana libera, il proibizionismo ha fallito"

Ignazio Marino

«La depenalizzazione della marijuana deve essere considerato un punto di partenza, perchè gli anni di proibizionismo non hanno portato nessun risultato nella prevenzione del drammatico aumento nell’uso di droga», e «nuove forme di legalizzazione potrebbero essere sperimentate in
medicina ma anche per colpire la criminalità organizzata». Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, intervenendo all’ottava conferenza annuale della Società internazionale per gli studi sulla politica delle droghe, nella sede del Cnr. Il primo cittadino della Capitale che si è detto «favorevole alla possibilità di liberalizzazione della cannabis per uso medico o personale», ha sottolineato che «nel 2011 più di un milione di piante sono state confiscate nel nostro Paese contro le 73mila in Francia», e che «la criminalità organizzata ancora gestisce grandi porzioni del traffico internazionale: ci sono abbastanza ragioni per riaprire il dibattito oggi in Italia, in un tempo in cui una riforma delle leggi sulle droghe è necessaria a livello nazionale e internazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    30 Maggio 2014 - 15:03

    il proibizionismo ha fallito. Costa un patrimonio e toglie risorse a cose ben più importanti di arrestare minorenni che fumano spinelli.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    30 Maggio 2014 - 15:03

    il proibizionismo ha fallito. Senza ombra di dubbio alcuna

    Report

    Rispondi

  • forbetto

    22 Maggio 2014 - 13:01

    Il proibizionismo ha fallito, perché i tuoi amici magistrati sinistroidi hanno sempre sottovalutato le indagini a carico di coloro che spacciano!

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    22 Maggio 2014 - 09:09

    Secondo questo "ragionamento" bisognerebbe autorizzare anche gli omicidi, visto che la gente continua ad ammazzare nonstante risulti che sia proibito. Autorizziamo invece la prostituzione nelle case; si avrebbe un introito statale, una sicurezza per le donne e una garanzia per i clienti! La droga è per gli sfigati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog