Cerca

PREVISIONI SBALLATE

Noi sondaggisti collezioniamo flop perché ci fidiamo di campioni sbagliati

Noi sondaggisti collezioniamo flop perché ci fidiamo di campioni sbagliati

Anche questa volta, come dopo ogni elezione, si torna a commentare i flop dei sondaggi. Tra i casi più clamorosi, quelli del 2006 quando Silvio Berlusconi, dato per spacciato contro Romano Prodi, alla fine "pareggiò", e delle scorse politiche quando tutti i sondaggisti avevano sottovalutato il Movimento 5 Stelle e sopravvalutato il Partito democratico e la sua coalizione. Questa volta è successo l’inverso, Matteo Renzi è andato molto meglio di quanto si potesse immaginare e Beppe Grillo peggio del previsto. Succede ad ogni tornata elettorale ed ogni volta si dice che i sondaggisti hanno sbagliato. Il problema in realtà non è tanto l’errore dei sondaggisti, ma il fatto che il sondaggio non sia uno strumento adatto a rilevare le intenzioni di voto. (...)


Continua a leggere l'approfondimento di Arnaldo Ferrari Nasi
su Libero in edicola oggi martedì 27 maggio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog