Cerca

L'editoriale

Manifesto per il centrodestra

28 Maggio 2014

2

Ieri in prima pagina abbiamo suggerito di rifondare il centrodestra, aprendo porte e finestre di stanze che sono rimaste chiuse troppo a lungo. Servono facce e idee nuove, perché senza quelle gli elettori moderati invece di recarsi ai seggi preferiscono restarsene a casa e quando proprio si decidono a mettere la scheda nell’urna lo fanno contro voglia e a volte per qualcun altro. L’invito ha suscitato la reazione di molti lettori, i quali ci hanno scritto dicendo la loro, sia a proposito delle persone che dovrebbero rappresentare il cambiamento, sia per quanto riguarda le cose da fare. Le lettere le trovate nelle pagine interne, ovviamente una parte, perché non tutte siamo riusciti a stamparle nell’edizione odierna: va da sé che la pubblicazione proseguirà domani.

Tuttavia, prima di dare conto delle opinioni dei padroni di Libero, cioè di voi lettori, ci sia permessa un’ulteriore riflessione. Ovviamente in redazione abbiamo discusso a lungo del fiasco di domenica e più che andare a caccia di colpevoli ci siamo concentrati sulla ricerca dei possibili salvatori, cioè su chi sia in grado di risollevare il centrodestra. Certo Berlusconi è Berlusconi e da solo vale ancora più del 16 per cento: il problema dunque non è come dargli il benservito con un altro che lo rimpiazzi, ma come affiancargli qualcuno che al 16-17 per cento di consensi da lui conservato sappia aggiungerne altri. Serve un Renzi di destra, come qualcuno ha scritto? Forse. Di sicuro serve qualche bravo amministratore locale che sappia parlare di futuro e non solo del passato. Di gente seria ce n’è anche a destra, prova ne sia che nel disastro generale, qualche sindaco non si è fatto asfaltare dai renzini e anche nei comuni più rossi d’Italia è riuscito a trionfare. Un esempio? Il primo cittadino di Montefalco, piccolo comune umbro: il Pd alle Europee ha dilagato, ma in municipio Donatella Tesei è stata riconfermata nonostante fosse di centrodestra. Ecco, a Forza Italia, al Ncd e a Fratelli d’Italia servono persone così, cioè signore e signori che la poltrona di sindaco o di amministratore se la sono guadagnata perché stimati, non perché gliel’ha regalata il capo. Di nominati ne abbiamo fin troppi, mancano quelli che i voti li conquistano da soli e non se li vedono dati in dono.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fieldingmellish

    28 Maggio 2014 - 14:02

    Ma non è il problema Berlusconi o un nuovo volto nuovo.Questo ventennio è stato caratterizzato dal conflitto Berlusconi-antiBerlusconi, che ha coperto la vita politica e sociale dell'Italia.Che Italia sarebbe stata se si fosse sempre parlato di programmi alternativi, in ogni dibattito televisivo ?Che italia avremmo avuto se ci si fosse confrontati pacificamente su ideali e programmi?é ora di farlo

    Report

    Rispondi

  • manu44

    28 Maggio 2014 - 11:11

    Voglio bene a Berlusconi ma in questa campagna elettorale non poteva dare di più, gli elettori si sono stancati di sentirlo parlare sempre delle stesse cose, i problemi ora sono altri, io stessa per la prima volta ho votato Salvini. Non si può nemmeno più essere moderati se essere modarati vuol dire non scegliere, non esprimersi, votare con il PD per eliminare il reato di essere clandestino...

    Report

    Rispondi

media