Cerca

Piroette

Lista Tsipras, Barbara Spinelli ci ripensa: andrà in Europa

Barbara Spinelli

Tanto per fare qualcosa di nuovo, nella lista Tsipras volano gli stracci. A scuotere la già precaria serenità del cartello elettorale neocomunista miracolosamente sopravvissuto alla soglia di sbarramento delle Europee ha provveduto nientemeno che Barbara Spinelli : la ispiratrice-garante-capolista della lista sta infatti meditando di tenersi il seggio da europarlamentare invece di rinunciarvi come più volte promesso in campagna elettorale.
Riassunto delle puntate precedenti: dopo essersi fatta pregare per un po’, la Spinelli accetta di correre come capolista nelle circoscrizioni Centro e Sud onde garantire alla lista Tsipras traino e visibilità. L’impegno solenne (analogo a quello preso dall’altro front runner vip della lista, Moni Ovadia), è di rinunciare al seggio qualora eletta per fare spazio agli altri candidati «che più di noi hanno le energie e le competenze» per compiere un «lavoro quotidiano che sarebbe al di sopra delle nostre forze».

Dopodiché accade il miracolo: la lista Tsipras fa il 4,03% e porta a casa tre eletti. Ovadia tiene fede alla parola, rinuncia e manda a Strasburgo l’esitorialista di Repubblica Curzio Maltese. Dalla Spinelli - risultata eletta in entrambe le circoscrizioni dove si era presentata - si attende analogo gesto. Senonché la signora spiazza tutti. Intervistata dal giornale greco Avghì (testata peraltro vicina al partito Syriza, casa madre della lista Tsipras) a precisa domanda circa l’intenzione di rinunciare al seggio risponde così: «Non ho ancora deciso, sto avendo molte pressioni dai miei elettori. Ho ancora delle riserve».

Il voltafaccia della Spinelli innesca il prevedibile quarantotto. I social network battono impietosi sul tasto dell’incoerenza e delle promesse fatte e poi dimenticate nel più classico stile da politicante non all’altezza dei superiori standard morali della lista Tsipras. Emergono anche vecchie ruggini: Paola Bacchiddu (la procace capo della comunicazione balzata agli onori delle cronache per l’ormai celebre foto del proprio lato B trasformata in efficace mezzo di propaganda elettorale), si prende una piccola rivincita sull’arcinemica da cui aveva denunciato di essere stata mobbizzata in seguito all’incidente a titolo di rappresaglia sessualmente corretta: «Barbara Spinelli non rinuncerebbe al seggio a Strasburgo come promesso», scrive su Twitter la Bacchiddu, «parlava di coerenza e generosità. Poi il problema era il mio bikini, eh».

Né potevano infine mancare le ipotesi di complotto. Dietro il dietrofront della Spinelli, infatti, ci sarebbe nientemeno che una macchinazione contro Nichi Vendola. La trama è presto spiegata: i due candidati arrivati dietro la giornalista nelle rispettive circoscrizioni sono uno di Sel e una di Rifondazione. Il sospetto è che la Spinelli abbia in animo di optare per il collegio Centro e di lasciare a casa il candidato vendoliano onde privare Sel della rappresentanza europea e spingerla ad accettare la confluenza nel Pd.

di Marco Gorra

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    04 Giugno 2014 - 10:10

    Dovesse anche decidere (non lo ha ancora fatto) di tenere il seggio da europarlamentare farebbe qualcosa di male? In fondo i voti li ha presi lei. Dove vedete il voltafaccia nei confronti degli elettori? Non fatevi portare a spasso dagli articolisti. Pensate con la vostra testa!

    Report

    Rispondi

  • peppedrago

    03 Giugno 2014 - 12:12

    E' incredibile che ci sia ancora qualcuno al mondo che possa trovare nella politica qualcosa di nobile. Quelli di destra e centro sono un tantino più pragmatici, ma a sinistra, i capoccia, si ostinano a prenderci per i fondelli e continuano a raccontarci la favoletta del 'non siamo tutti uguali' ed anche 'la sinistra è diversa'. E basta, pagliacci !!! Non fate più ridere nessuno, VERGOGNA !

    Report

    Rispondi

  • ubik

    03 Giugno 2014 - 12:12

    E quindi che volete? Che passi con forza italia?

    Report

    Rispondi

    • noinciucio

      03 Giugno 2014 - 15:03

      ma quanto sei spiritoso! vorremmo solo un po' di coerenza! Pensa se un voltafaccia così l'avesse fatto un politico di destra, apriti cielo!!! Ma che vuoi, 24 mila euro più prebende varie fanno comodo a tutti.....o no!!!

      Report

      Rispondi

    • alvit

      03 Giugno 2014 - 15:03

      @ubikl, ancora libero sei???certo che quel 4,03% è molto tirato, bisognerebbe rifare il conteggio dei voti e si scoprirebbe che di brogli i komunisti sono maestri. Hanno voluto per forza farli passare e ora è giusto che si prendano a calci nelsedere, anzi, se avete bisogno sono a disposizione a darveli.

      Report

      Rispondi

      • ubik

        03 Giugno 2014 - 19:07

        ahahahahahaha ancora? Io vi rammento che non ho votato. Sono per l'auto determinazione. Imbecilli :D

        Report

        Rispondi

    • grisostomo

      grisostomo

      03 Giugno 2014 - 15:03

      No. La Spinelli, celebre soprattutto per le mortifere e moraliste articolesse piene di citazioni dubbie, se ne stia a Parigi (terra d'esilio per i sinistri al caviale), e non rompa più i coglioni in Italia. Ci vuole tanto?

      Report

      Rispondi

  • flikdue

    03 Giugno 2014 - 12:12

    Ormai appena eletti si salta da un gruppo all'altro, ci si candida per procura, il caos regna sovrano !!!!!!!!!! E questa sarebbe la democrazia ........ si la libertà di metterlo in c... all'elettore.

    Report

    Rispondi

blog