Cerca

L'inchiesta

Finanza, indagato il comandante in seconda

Finanza, indagato il comandante in seconda

Il generale Vito Bardi, comandante in seconda della Guardia di Finanza, sarebbe indagato per un’ipotesi di corruzione, per vicende collaterali, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Napoli che ha portato all’arresto dell’attuale Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Livorno, Fabio Massimo Mendella, e del commercialista napoletano Pietro De Riu. Dalle carte dell'inchiesta emerge che a quest'ultimo sarebbe stato versato oltre un milione di euro da imprenditori napoletani, tra il 2006 e il 2012, su richiesta di Mendella, allora responsabile del settore Verifiche e accertamenti del comando delle Fiamme Gialle di Napoli, per evitare controlli fiscali. I pm Piscitelli e Woodcock hanno disposto una perquisizione nel comando generale della Gdf a Roma, in via XXI Aprile a Roma. In particolare, una delle perquisizioni è stata eseguita proprio nell’ufficio del generale Vito Bardi. 


Le ipotesi di reato - Nell’ordinanza, le ipotesi di reato contestate sono di concorso in concussione per induzione e rivelazione di segreto d’ufficio. Secondo le indagini della sezione reati contro la Pubblica amministrazione della Procura di Napoli, il commercialista Pietro De Riu faceva da tramite con Mendella, incassando somme di denaro da i due fratelli, imprenditori napoletani della società "Gotha s.p.a.", che eludevano in tal modo i controlli. Dal Comando di Napoli Mendella era poi stato trasferito a Roma: nell’occasione la holding , oggetto di una verifica pilotata eseguita dall’ufficio coordinato dal colonnello Mendella, avrebbe trasferito la propria sede legale a Roma.  Le indagini sono ancora in corso, condotte dalla Digos di Napoli, con il contributo della Direzione centrale di Polizia criminale, del Comando Provinciale e del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mrcinquantatre

    12 Giugno 2014 - 12:12

    ma con gente simile come si fa a stanare gli evasori? Ecco perché vanno a prendere i soldi dai lavoratori dipendenti e pensionati. Sono una massa di figli di puttana

    Report

    Rispondi

  • mrcinquantatre

    12 Giugno 2014 - 12:12

    Dio, come è cresciuto il numero dei componenti della banda bassotti.

    Report

    Rispondi

  • salvio53

    12 Giugno 2014 - 09:09

    Ahaha. Befera, (chi è costui?) ha creato lo spesometro per "acchiappare" qualche povero disgraziato che per dimenticanza o ignoranza evade 10 euro e poi i controllori arrivano a tali nefandezze. Chi controlla i controllori? è lo stato che va rifondato su ben altri principi che non sia il favore politico, altrimenti resta sempre che noi cittadini siamo i limoni da premere per far "campare" i furbi

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    11 Giugno 2014 - 21:09

    ma che tipini che circolano eh?. questi qui sono quelli della lotta alla corruzione, alla rava e alla fava, ecc ecc. hai voglia te di fare leggi e leggi. un po di piazzetta non farebbe male.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog