Cerca

L'esame di Libero

Elio Vito, l'esame di maturità: "In 100 anni è cambiato tutto, ma non i nostri problemi"

Elio Vito

L’Europa Unita, unita nelle sue Istituzioni e nelle sue politiche, prima ancora che nella sua economia, ha rappresentato il Grande Sogno, la Grande Speranza e doveva rappresentare anche la Grande Bellezza di questi cento anni che sono passati dall’inizio della Grande Guerra.

Si voleva e ci voleva un’Europa che affermasse la nostra Storia, la nostra Cultura ed i nostri Valori, per creare e proteggere la Pace, nel Vecchio Continente e nel Mondo, e per diffondere il rispetto tra i Popoli.

Ma, oggi come un secolo fa, vi è di nuovo un eccesso di competizione tra Stati, un malinteso senso del nazionalismo, una pretesa di stabilire egemonie tra Paesi che non solo sono amici ed alleati, ma che fanno parte pure delle stesse istituzioni sovranazionali.

Allora l’Europa era divisa e si preparava al conflitto, oggi parliamo e studiamo tutti la stessa lingua, abbiamo la stessa moneta e siamo in pace (?) ma le divisioni, le distanze, le diffidenze sono rimaste; la Russia è lontana e l’America è vicina ma sospettosa.

È cambiato tutto in questi cento anni, è cambiato il nostro modo di vivere e di comunicare, ma non sono cambiati i nostri problemi, quelli sono gli stessi di un tempo.
Non è cambiata però nemmeno la nostra speranza.

di Elio Vito
Deputato di Forza Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog