Cerca

Il delitto di Brembate

Bossetti: "Se fossi io il killer mi sarei già ucciso"

L'uomo accusato dell'assassino di Yara parla agli psicologi del carcere di Bergamo

Bossetti: "Se fossi io il killer mi sarei già ucciso"

"Se fossi stato io a fare una cosa del genere, mi sarei già ucciso". Così, Massimo Bossetti, ha risposto al medico del Gleno, il carcere di Bergamo dove è rinchiuso con l'accusa di essere l'assassino di Yara Gambirasio. Il quotidiano La Repubblica riferisce che l'ex Ignoto 1 si è sottoposto a un lungo colloquio con lo psicologo che fa parte dell'equipe coordinata da Franco Bertè, dirigente medico del carcere. E i medici che lo hanno visitato ed ascoltato lo descrivono come "una persona equilibrata", un detenuto "in stato integro", che gode di un "buon equilibrio psicofisico" e "presenta un sufficiente grado di contenimento". L'atteggiamento del 44enne muratore appare "chiaro", "lineare", "disarmante". Spiega: "Non sono io il colpevole e questa consapevolezza mi fa sentire a posto con la coscienza. Sono in carcere ma non dovrei starci perchè io non c'entro con l'omicidio di quella povera ragazzina e non voglio nemmeno pensare all'ipotesi di un processo perchè io Yara non l'ho mai incontrata nè conosciuta; l'ho solo vista in tv".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Royfree

    22 Giugno 2014 - 16:04

    No, non devi ammazzarti. Devi morire lentamente e in ogni giorno della tua misera vita qualcuno deve ricordarti di quanto fai schifo.

    Report

    Rispondi

  • milibe

    21 Giugno 2014 - 14:02

    ….uno che avesse avuto il " coraggio" di fare ciò di cui è accusato difficilmente si toglierebbe la vita ora, lo avrebbe già fatto in questi anni perché penso che il peso della colpa sarebbe stato insopportabile……..

    Report

    Rispondi

blog