Cerca

L'omicidio di Brembate

Yara, l'esperto: "Ecco cosa serve per incastrare il colpevole"

Yara, l'esperto: "Ecco cosa serve per incastrare il colpevole"

Basta una decina di nanogrammi di sangue per incastrare il killer. Parola del tenente colonnello Giampietro Lago dei Ris di Parma, uno dei genetisti che ha estrapolato il Dna di "Ignoto 1" dai resti di Yara. In una intervista rilasciata a Repubblica Lago spiega che "un nanogrammo è un miliardesimo di grammo" e rivela che sul caso della ragazzina di Brembate sono state fatti un migliaio di rilievi "ma una volta che abbiamo acceso il faro siamo stati capaci di estrarre il Dna perché in questi quadrati si è trovata la componente maschile e siamo arrivati a 'Ignoto 1'". In linea generale, spiega il tenente colonnello dei Ris: "se su corpi così decomposti c'è una componente maschile così copiosa, vuol dire che che la traccia, per resistere così tanto tempo, era abbondante. Cioè l'assassino si ferisce leggermente, quella che lascia è una traccia pulita, ma poi la degradazione è fortissima".
E ancora: "Il Dna di un tizio non s'inventa. Se c'è, è quello. Posso però contaminarlo con quello dei tecnici, o per altri rilievi, non a caso abbiamo il Dna di chiunque sia entrato in laboratorio". "Nel Dna", continua Lago, "ci sono i polimorfismi, cioè segmenti di Dna diversissimi tra individui. E così, dopo varie caratteristiche, la probabilità che ci siano due Dna uguali diventa di zero virgola tanti zeri, infinitamente di più della popolazione mondiale. E sul caso Yara", conclude il genetista, "sono stati comparati ventuno marcatori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ltani

    23 Giugno 2014 - 13:01

    Intanto con tutta questa pubblicita' hanno rovinato l'esistenza della sua famiglia e della madre. Hanno sputtanato tutti gli implicati in questa faccenda. Secondo me hanno falsificato il DNA per giustificare lo spreco enorme di denaro pubblico per le indagini. Hanno trovato un capro espiatorio e gli faranno pagare per qualcosa che magari non ha commesso. Troppe prove coincidenti.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    23 Giugno 2014 - 12:12

    Se siete sicuri che è stato lui, mettetelo in carcere e non fatelo più uscire: Yara non potrà mai uscire dalla tomba e il dolore dei suoi genitori non cesserà MAI!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Peo

    23 Giugno 2014 - 11:11

    Mah... certo non è questo il caso, ma talvolta ho avuto l'idea che si trovasse quel che SI VOLEVA CERCARE. "Il colpevole è il marito! Sul coltello da cucina che ha usato per uccidere la moglie c'era il suo DNA". Ma poi si scopre magari che il coltello proviene dalla casa dove vivevano assieme. Ed il DNA è presente su TUTTA la posateria ed in ogni dove. Come è assolutamente logico ed ovvio...

    Report

    Rispondi

blog