Cerca

Passo falso

Lega Nord, niente eurogruppo: Salvini e Le Pen confinati al gruppo misto

Salvini, Vilimsky, Le Pen

Per Matteo Salvini dopo il successo alle elezioni Europee arriva la prima sostanziale sconfitta. Tempo scaduto per lui e per Marine Le Pen. I nuovi gruppi dell'Europarlamento avrebbero dovuto dichiarare entro le 9 di ieri, martedì 24 giugno, la loro composizione. Ma non è arrivata alcuna comunicazione, non si è presentato nessuno: né Salvini né la Le Pen. Dunque non sono stati raccolti i parlamentari da sette Stati differenti, così come richiedono le regole per la formazione di un gruppo autonomo a Bruxelles e Strasburgo.

Salvini deluso - Un brutto colpo, per la Lega Nord, che al pari del Front National, ad ora, viene confinata a un ruolo residuale nelle sedi continentali: con tutta probabilità al gruppo misto, che in Europa non conta nulla. Inoltre, poiché non vi è alcuna formazione di riferimento, quasi sicuramente la Lega Nord e il Front National saranno esclusi dalla ripartizione degli incarichi di controllo. Fuori da tutte le stanze dei bottoni, dunque. Salvini non nasconde la delusione: "Mi spiace che a Bruxelles non siamo ancora riusciti a formare un gruppo - spiega su Facebook -. Evidentemente non tutti hanno il coraggio di sfidare i poteri davvero forti di finanza, banche e massoneria, ma noi non ci arrendiamo, anzi combatteremo ancora più convinti".

L'accusa di Matteo - Il leader del Carroccio, poi, davanti ai microfoni, si lascia andare anche a un piccolo sfogo: "Abbiamo detto tanti no, siamo stati molto selettivi, io sarei stato più aperto". Il riferimento è ai veti posti da Marine Le Pen su diversi papabili alleati che sarebbero stati funzionali a raccogliere europarlamentari da sette Stati diversi. Eppure poi Salvini aggiunge che "Marine non sbaglia mai", e che semmai la colpa "è del sistema mediatico e politico, siamo stati il gruppo più ostacolato della storia. Il timore è che ci sia un'opporizione seria, non come quella del M5s, quindi, che sta facendo fare le carte false da chi ha più soldi di noi". Un riferimento, quest'ultimo, a Nigel Farage, l'alleato di Beppe Grillo che nel corso della "campagna acquisti" per la composizione dei gruppi ha strappato una parlamentare neo-eletta proprio dal Front National, Joelle Bergeron.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    26 Giugno 2014 - 02:02

    Leghisti, una massa di deficienti, a malapena comprendo l'italiano, figuriamoci in Europa, questi come al solito non hanno capito un cazzo

    Report

    Rispondi

    • blues188

      26 Giugno 2014 - 15:03

      invece i rossi, inzuppati nel miele avvelenato di Marx, cosa capiscono se non gli ordini di scuderia? Trinariciuti!!! Ahahahahaha

      Report

      Rispondi

  • iltrota

    25 Giugno 2014 - 20:08

    Salvinbi, il potenziale e futuro (molto futuro...) leader del Centro dx.... Ma andate a kakare, bananas & k0rnudos verdi......

    Report

    Rispondi

    • blues188

      26 Giugno 2014 - 10:10

      Giusto. E tu che sei la carta igienica sei sempre felice di mandarne il più possibile.

      Report

      Rispondi

    • rutgerter

      26 Giugno 2014 - 07:07

      impara a scrivere subumano

      Report

      Rispondi

  • pinodipino

    25 Giugno 2014 - 19:07

    Salvini in Europa conta quanto è' giusto che conti " UNCAZZO"!!!

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    25 Giugno 2014 - 15:03

    TROTA: invece di pensare a salvini pensa a RENZI (ariticolo appena prima di questo che evidentemente hai volutamante e vigliaccamante sorvolato!!!) E' in arrivo un bel condono dei capitali all'estero, ovviamante, e maldestramente, mascherato in politichese dalla parola: "ravvedimento" ehehehehhe.... ma pensa non dal Berlusca dal Matteuccio tuo!! Hahhahahhahhah... e bbbravo il berluschino!!!

    Report

    Rispondi

    • iltrota

      25 Giugno 2014 - 20:08

      Bolinastretta, leggi qui ==>> "" In serata, dopo le polemiche, sono arrivate da governo e maggioranza rassicurazioni sul fatto che la legge non sarà un “condono mascherato”. “Non ci sono né sanatorie né condoni e le tasse si pagheranno per intero nella misura dovuta”, ha fatto sapere il Tesoro. “La riduzione riguarda solo le sanzioni”. ...e taci prima di apri bocca, k0glionazzo !!!!

      Report

      Rispondi

      • blues188

        26 Giugno 2014 - 10:10

        A noi sembra che il titolo spetti proprio a te, tinca ripiena. In questo 'onorevole' posto non riesce a batterti nessuno.

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog