Cerca

La mossa

Riforme, 35 senatori firmano un subemendamento per riproporre il Senato elettivo

Riforme, 35 senatori firmano un subemendamento per riproporre il Senato elettivo

La strada verso le riforme è ancora un campo minato. Il premier Matteo Renzi dopo l'incontro (farsa) con i Cinque Stelle prova a stringere i tempi ma a mettere in discussione l'intesa Pd-Forza Italia ci pensano 35 franchi tiratori equamente divisi tra maggioranza ed opposizione che preparano uno sgambetto per far saltare in aria la riforma di palazzo Madama. Trentacinque senatori, di cui 18 della maggioranza (16 del Pd, più Mario Mauro e Salvatore Buemi) hanno depositato un sub-emendamento che ripropone il Senato elettivo. Con questa mossa last-minute la riforma potrebbe essere messa in discussione proprio durante in Aula. 

I franchi tiratori - In una conferenza stampa alla quale hanno preso parte Vannino Chiti, Felice Casson, Mario Mauro, Francesco Campanella e Loredana De Petris è stato riferito che oltre all'emendamento sull'elezione diretta del Senato, ne sono stati presentati altri, per un numero complessivo di 14 proposte. In Commissione lo sgambetto non dovrebbe andare in porto. Ma i problemi sorgerebbero invece in Aula, dove il governo Renzi ha ottenuto 169 voti al momento della fiducia. Se i 18 non votassero (su un emendamento poi sono 19) diventerebbero determinanti i voti degli altri partiti, come Fi e Lega. 

Tensione in Forza Italia - Anche se per ora il patto del Nazareno tiene, cresce la fronda in Forza Italia a favore del Senato elettivo. Al Senato, il giorno della chiusura dei termini per gli emendamenti, gli azzurri riuniscono i gruppi parlamentari. C'è malumore evidente tra i senatori, un gruppo dei quali si ferma a lungo a parlare con il coordinatore Giovanni Toti. Nella riunione aprono Denis Verdini e Paolo Romani, illustrando i termini dell'accordo tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Ma tutti quelli che intervengono dopo (Razzi, Zuffada Caliendo, Minzolini) dicono a chiare lettere che l'emendamento che non prevede il senato elettivo loro non lo voteranno. E sul vertice tra gli azzurri è giallo. Infatti, secondo quanto racconta Dagospia oltre a Verdini era presente al vertice anche Maria Rosaria Rossi. Secondo la ricostruzione di Dagospia a introdurre i lavori è stato il capogruppo Paolo Romani. Subito dopo le parole di Romani sarebbero partiti attacchi alla riforma del Senato da parte di Minzolini e Caliendo. Verdini a questo punto chiude la seduta rinviandola a nuova da ta da destinarsi. L'episodio parla chiaro: la riforma del Senato resta in bilico. E tra gli azzurri potrebbe scoppiare un Vietnam con conseguenze pesanti per il partito e per il Cav.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    01 Luglio 2014 - 00:12

    Che ci si poteva aspettare da Renzi e dal PD compreso il PDL , solo chiacchiere morte siamo diventati gli sgomberi di tutta la comunità Europea che continuano a dettare leggi grazie a quei politici che ci hanno svenduti.

    Report

    Rispondi

  • piero.zanello

    28 Giugno 2014 - 09:09

    Auspico che FI faccia naufragare la riforma del Senato, come fece il PD nel 2006 con la riforma presentata dal PDL. Credo sia venuto il momento di rendersi conto che Matteo Renzi metterà il suo cappello su tutte le riforme, dimenticando chi lo ha aiutato a portare avanti tale riforme. Non so se a Berlusconi siano rimaste ulteriori guance da porgere, dopo i recenti ripetuti schiaffi subiti dal PD

    Report

    Rispondi

  • tatiana31

    26 Giugno 2014 - 20:08

    Conseguenze x il partito Forza Italia ok..vengano pure ma fate ridere scrivendo anche per Berlusconi..da dove vi deriva?? piedi a terra!! Cosa potrebbe capitare a Berlusconi oltre ciò che già è capitato?? Solo migliorare peggio lo ha avuto tutto,con abbondanza di particolari...che Forza Italia si arrangi e che i senatori si ribellino a me personalmente non me ne può importar di meno! Tutti a casa!

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    26 Giugno 2014 - 19:07

    Forza Italia è come il PD e il M5S partiti allo sbando senza un vero leader vanno poco lontani, però attenzione alla Lega perché con Salvini ha trovato il Bossi prima della malattia e oltre tutto sembra un vero trascinatore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog