Cerca

L'appunto

Toghe litigiose d'accordo solo su una cosa: è tutta colpa di Berlusconi

Toghe litigiose  d'accordo solo su una cosa: è tutta colpa di Berlusconi

Dopo l’archiviazione del Csm (Consiglio superiore della magistratura) dell’esposto del procuratore aggiunto  Alfredo Robledo contro il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati per presunte irregolarità nelle assegnazioni, Bruti Liberati ha provveduto a nuove assegnazioni che hanno portato a un nuovo esposto del procuratore aggiunto Robledo: se ne occuperà il Csm. Questo però avverrà dopo le elezioni per il rinnovo del Csm (6 e 7 luglio) che redistribuirà il peso delle correnti del Csm: le quali appaiono divise, soprattutto, dall’intervista del vicepresidente del Csm Michele Vietti (che anticipava l’archiviazione pro Bruti Liberati) e poi dalla lettera del capo dello Stato (che è anche presidente del Csm) rivolta al vicepresidente del Csm e che pare appoggiasse Bruti Liberati contro il parere del Csm: anche se nessuno ha mai letto davvero la lettera a parte Vietti, vicepresidente del Csm. Il nuovo Csm dovrà inoltre decidere se il pensionamento di Bruti Liberati dovrà avvenire in ottobre o a dicembre 2015, grazie a una deroga accreditata dal Csm. Ora si parla di una circolare in difesa dell’indipendenza della magistratura che una parte del Csm vorrebbe rivolgere contro un’altra circolare emessa da un’altra parte del Csm che a sua volta difenderebbe l’indipendenza della magistratura: lo sostiene Magistratura Indipendente. Ma anche le correnti di Unicost, Magistratura Democratica e Movimento per la Giustizia paiono unite su un punto: è colpa di Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    29 Giugno 2014 - 18:06

    Anche in questo caso vale quel proverbio che negli ultimi giorni ho citato 3 volte per definire faccende che non possono trovare migliore definizione: "Quando la m.... monta sullo scranno, ...

    Report

    Rispondi

blog