Cerca

L'editoriale

Renzi, tanti applausi e pochi risultati: quanto dura il gioco?

3 Luglio 2014

8

Matteo Renzi a Strasburgo è stato accolto da molti applausi. Peccato che il suo discorso di inaugurazione del semestre europeo a guida italiana oltre ai battimani non abbia ottenuto altro. Anzi. Alle sollecitazioni del presidente del Consiglio per un futuro di crescita e non solo di rigore hanno fatto da contraltare i discorsi dei partner europei che non fanno presagire nulla di buono per le richieste di maggior flessibilità dei conti nazionali. Il premier olandese, Mark Rutte, in una seduta del parlamento dell’Aja si è vantato di aver contribuito insieme con la Germania a stoppare le richieste dell’Italia, mentre il capogruppo del Ppe, il tedesco Manfred Weber, ha replicato a Renzi sostenendo che «i debiti non creano futuro ma lo distruggono», per questo si deve continuare sulla linea del rigore. Insomma se si dovesse fare un bilancio della giornata europea del nostro primo ministro si potrebbe concludere che dal punto di vista personale Renzi ha portato a casa un ampio consenso, da quello invece delle decisioni collettive, ovvero del mutamento di indirizzo della politica economica europea, il premier ha ottenuto un vasto dissenso. Questo è il dilemma in cui si dibatte il governo del Rottamatore. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    03 Luglio 2014 - 19:07

    Fino a Settembre Direttore, fino a settembre...- poi dovremo decidere se diventare forzati evasori di tasse o mangiare. Anzi diamoci pace come dice un lettore fan del fanfarore toscano... a noi pace a lui preci. Possibile che nessuno abbia capito perché lo stanno lasciando lavorare?

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    03 Luglio 2014 - 15:03

    un consiglio a renzi: adotti le idee di mylton friedman su tassazione ed economia introducendo da subito la flat tax sia per iva che per irpef e nessuno lo scalza più. ma lo faccia subito in modo che parta dal 2015. altrimenti anche lui è destinato all'oblio in un paio d'anni.. l'altro matteo (salvini) ha un poker d' assi nella manica....

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    03 Luglio 2014 - 14:02

    E ora in Italia incomincerà il consuntivo tra le molte parole e promesse di Renzi ed i pochissimi risultati ottenuti sia sul versante europeo che su quello interno!Che non si riduca il tutto alla conservazione delle poltrone come in passato ed anzi peggio perche il Paese nel frattempo è diventato più povero ed indebitato e con centinaia di miglia di disoccupati in più,giovani e meno giovani!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media