Cerca

Flop televisivo

Renzi a "Porta a porta" battuto da Paperissima Sprint

Lo speciale sull'apertura del semestre europeo si ferma al 14% di share

Renzi a "Porta a porta" battuto da Paperissima Sprint

Ha lasciato i giornalisti stranieri con un palmo di naso, interrompendo la tradizione della conferenza stampa subito dopo il discorso per l'inaugurazione del semestre europeo. E si è scapicollato a Roma con l'aereo di Stato, pur di arrivare per tempo alla registrazione dello "Speciale Porta a Porta - La sfida europea" negli studi della Rai con Bruno Vespa. Una bella faticata, quella di ieri, per il presidente del Consiglio Matteo renzi che dopo il discorso al parlamento europeo di Strasburgo non ha nemmeno avuto il tempo di rifiatare. E tutto per cosa? Per un modesto 14,13% di share con una media di 3.058.000 spettatori tra le 20.35 e le 21.05. Il "traino" del Tg1 è servito a poco, visto che il telegiornale dell'ammiraglia Rai aveva fatto il 22%, ben otto punti in più dello Speciale-Renzi. Ma la cosa forse più "umiliante" per il premier, uno che alle ultime elezioni europee ha sfondato il muro del 43% delle preferenze, è l'essere stato battutto addirittura da "Paperissima sprint", che in quella stessa fascia oraria di "porta a porta" ha fatto 17,47% di share con più di 3.700.000 spettatori di media. Evidentemente, agli sketch di Renzi gli spettatori hanno preferito le papere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinodipino

    03 Luglio 2014 - 19:07

    E' stato veramente" umiliante" peggio dei servizi sociali e poi rientrare in Italia con un volo di Stato anzicche' prendere un volo di linea come aveva fatto all'andata! Penso che dovrebbe dimettersi subito e che dovremmo andare a votare al piu' presto anche per toglerci dalle palle tutta una serie di deputati assolutamente inutili di tutti quanti i partiti. VIVALITALIA!!!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Luglio 2014 - 18:06

    Altra dimostrazione di provincialismo italico e, soprattutto, la prova che tutte le chiacchiere di Strasburgo nn erano dirette alla Germania, che come dimostrano ampliamente i fatti, se ne infischia, ma al "mercato" interno. Renzi era ansioso di vendere le sue ciarle a casa, conscio che in europa nn se lo fila nessuno. 100 giorni di governo = 0 risultati, ma costui continua a chiacchierare!

    Report

    Rispondi

  • puntocomando

    03 Luglio 2014 - 18:06

    gli italiani si sono finalmente accorti chè un caciaballe.

    Report

    Rispondi

blog