Cerca

Umiliazione brasileira

Fare sette gol in casa degli avversari non è da sportivi

Fare sette gol in casa degli avversari non è da sportivi

Sul quattro a zero per la Germania sul Brasile in quel di Bel Horizonte, molti dei telespettatori della semifinale mondiale devono essersi detti che a quel punto la squadra di Loew devono avrebbe gestito il risultato,limitandosi a difendere e a contenere un Brasile che peraltro sul campo neppure pareva essersi. Come, quando ancora la boxe andava di moda e la si vedeva in tv, davanti a uno dei pugili pieno di botte e tagli e alla mercè dell'altro, si faceva il tifo perchè l'arbitro sospendesse l'incontro (cosa che, disgraziatamente per i verdeoro, nel calcio non è consentita). Poi, per, quando ancora la mezz'ora di gioco non era scoccata, Khedira ha infilato la quinta pappina nella porta di Julio Cesar.

E lì il pubblico di mezzo mondo (spettatori tedeschi esclusi, ovviamente), ha non più solo sperato ma addirittura preteso che la goleada finisse lì. Il dibattito su cosa sia sportivo fare di fronte a un avversario nettamente inferiore è lungo come la storia dello sport. Ma ieri c'erano pochi dubbi su cosa sarebbe stato più sportivo fare: il Brasile era una squadra atterrita, sparita dal campo. E quella pioggia di gol di fronte al suo pubblico è stata la peggior umiliazione che una squadra di calcio abbia sub ito nella storia. Certo anche la Juve, anni fa, ha sconfitto a Saan Siro il Milan con sei gol. Ma quella mica era una semifinale del campionato mondiale teletrasmessa a miliardi di telespettatori... Sportivo,ieri sera, sarebbe stato fermarsi se non sul quattro, sicuramente sul 5-0, punteggio con cui a belo Horizonte si era chiuso il primo tempo. Il resto è stato da vili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emiron

    12 Luglio 2014 - 16:04

    Secondo me fermarsi sarebbe stato antisportivo. Per quale motivo i tedeschi avrebbero dovuto dire basta davanti ad una difesa che si scioglieva come burro? Quel che conta è il risultato e se questo è umiliante la colpa ricade totalmente su chi lo subisce, non certo sul vincitore.

    Report

    Rispondi

  • campusvolley

    10 Luglio 2014 - 12:12

    certo è che i tedeschi non conoscono il detto : "noblesse oblige"

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    10 Luglio 2014 - 09:09

    Ma quale comportamento da vili. Una partita si gioca, e probabilmente se i tedeschi non avessero rallentato ce ne stavano altri tre o quattro, di gol. Mi pare che se una squadra va in pallone come il Brasile, non sia una squadra da mondiali. Sportivi sì, "buonisti" fino all'ipocrisia no. Il Brasile ha fatto una figuraccia: e allora? Ci stava tutta, la figuraccia. Non è la fine del mondo.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    09 Luglio 2014 - 15:03

    giusto @nicola, la germania del secondo tempo ha avuto un 30% circa di possesso palla, sembrava che il brasile crescesse ma ahimè le punte eraano spuntate. comunque sembra che negli spogliatoi del brasile ci siato stato qualcuno tedesco a suggerire e rincuorare. al termine dei primi 45 minuti i giocatori brasiliani avevano facce sconvolte..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog