Cerca

Verso l'accordo

Alitalia, trattativa Lupi-sindacati: altri 616 restano in azienda

Alitalia, trattativa Lupi-sindacati: altri 616 restano in azienda

E' in direzione d'arrivo l'accordo definitivo per la trattativa Alitalia tra il Ministro dei Trasporti Lupi e i sindacati. la trattativa prevede che tra i 2251 esuberi, 616 verranno ricollocati nel nucleo aziendale, 681 saranno esternalizzati, vale a dire ceduti ad altre aziende; mentre per gli altri 954 sarà prevista la mobilità e la sperimentazione dei nuovi contratti di ricollocamento previsti dalla legge di stabilità. Le fonti sindacali hanno riferito inoltre che Lupi abbia escluso il ricorso della cassa integrazione. Mentre Cisl, Uil e Ugl sarebbero pronte a firmare entro sabato sera l'imminente accordo, la Cgil di Susanna Camusso vuole invece prendere 3 giorni per esaminare il testo di Lupi.

Cauto ottimismo -  Nel pomeriggio il ministro Lupi aveva proposto un periodo breve di Cassa integrazione straordinaria (Cigs) in parte accettato dai sindacati a patto che che ci siano poi le garanzie per i lavoratori di rientrare in mobilità. Un cauto ottimismo, quindi, che dovrà essere rinforzato sulla precisazione del rientro dei lavoratori.

Cgil chiede tempo -  Diversa è  invece la posizione di Susanna Camusso (Cgil) che aveva detto: ""Non troviamo traccia di una significativa riduzione nel numero degli esuberi.Le trattative hanno i loro tempi, ma se non risolvono i problemi non si può chiudere".
Cisl e Ugl sottolineano il dovere di chiudere entro oggi per risolvere al più presto la situazione di stallo, distaccandosi dalla Cgil che invece chiede 3 giorni per riflettere sul testo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perigo

    perigo

    13 Luglio 2014 - 15:03

    Resta incomprensibile la tutela selvaggia di posti di lavoro come quelli di Alitalia e dei grandi carrozzoni di Stato che - illo tempore - furono creati od incrementati dal nulla per sistemare parenti, amici e colleghi. Non c'è niente da fare: in questo disgraziato Paese o si nasce con la camicia e gli amici giusti al posto giusto, oppure si è destinati a soccombere. Sotto tutti i punti di vista

    Report

    Rispondi

  • alejob

    13 Luglio 2014 - 12:12

    Caro Lupi, seicento o mille di più o di meno, mi devi spiegare come mai il Baraccone ALITALIA ora può volare con migliaia di persone in meno?. Erano tutti una banda di furbetti gli ESUBERI che per decenni hanno distrutto la compagnia. O erano parecchi che ci MARCIAVANO alle spalle dell'Italia. Queste sono le cose da spiegare agli Italiani non i 660 che possono avere di nuovo il posto.

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    13 Luglio 2014 - 10:10

    Buffonate all'italiana, alla fine assumeranno pure i nipoti della sorella di renzi e i suoi pronipoti.......

    Report

    Rispondi

blog