Cerca

Lo stop

Camera, slitta il voto sull'arresto di Galan: "Ricoverato in ospedale"

Camera, slitta il voto sull'arresto di Galan: "Ricoverato in ospedale"

Slitta a giovedì 17 luglio la seduta dell'aula di Montecitorio dedicata al voto sulla richiesta di arresto nei confronti di Giancarlo Galan, ex governatore del Veneto coinvolto nell'inchiesta sullo scandalo del Mose. A comunicarlo è stato il vice-presidente della Camera Simone Baldelli: "Galan ha reso noto alla presidenza della Camera di essere in stato di ricovero ospedaliero e quindi impossibilitato ad intervenire alla seduta di domani", ha spiegato Baldelli. Galan, ha proseguito il vice-presidente della Camera, "ha chiesto un rinvio" che la presidenza di Montecitorio ha accordato, tenendo però conto dell'esigenza di dare una risposta alla richiesta della magistratura. La nuova seduta è stata pertanto fissata per giovedì prossimo. "La direzione medica dell'Ulss 17 conferma l'avvenuto ricovero di Giancarlo Galan presso il reparto di cardiologia dell'Ospedale di Este, ricovero avvenuto nella serata di sabato 12 luglio": così un comunicato diffuso dall'azienda ospedaliera di Este, in provincia di Padova. "Il ricovero - ha concluso lo stringato comunicato - si è reso necessario per procedere agli accertamenti e alla terapia connessi alle condizioni cliniche del paziente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    16 Luglio 2014 - 09:09

    banda di dementi: Galan è ricoverato per una doppia frattura alla tibia e perone; in più è afflitto da diabete cronico: ecco perché è ricoverato ed in continua osservazione; i rischi di una operazione sono elevatissimi, nelle sue condizioni. Ma si può essere più maldestri?

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    15 Luglio 2014 - 14:02

    Con cosa si è rotto l'osso ? Con un martello ? Non ne valeva la pena.Due giorni....

    Report

    Rispondi

  • kontros

    15 Luglio 2014 - 13:01

    …un povero cristo sarebbe già ammanettato e portato in galera….ma i politici hanno mille scappatoie prima di essere "cittadini uguali davanti alla legge"….dire che schifo è riduttivo...

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    15 Luglio 2014 - 12:12

    non si capisce perchè bisogna rinviare il voto! intanto si decide, poi il magistrato deciderà dove mandarlo( se approvato l'arresto,). Perchè deve avere un trattamento diverso dagli altri. Se era un poveraccio lo mandavano in prigione con tutte e due la gambe rotte..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog