Cerca

Bon ton a Messa

La Chiesa dice basta ai fedeli maleducati: no ai telefonini, abiti scollati, gomme da masticare e ...

La Chiesa dice basta ai fedeli maleducati: no ai telefonini, abiti scollati, gomme da masticare e ...

Telefonini rigorosamente spenti, divieto assoluto di abiti scollacciati, per non parlare delle minigonne vertiginose. In estate si moltiplicano i divieti per i fedeli che vanno a messa e nelle parrocchie: dal nord al sud del Paese, non è difficile trovare esposti all’ingresso della chiesa o in bacheca, cartelli che dettano il bon ton per un cattolico degno del nome. Il divieto più frequente, ma questo vale tutto l’anno, è quello che impone di zittire il telefonino: «Il Signore comunica con noi in tanti modi. Certamente non vi chiamerà mai al telefonino. Tenetelo spento in Chiesa!», capita di leggere in molte parrocchie.

Le gomme sotto le panche - Le forme di maleducazione in chiesa, nel corso degli anni, sembrano essere aumentate. «Non è infrequente - lamenta don Sergio Mercanzin, direttore di Russia Ecumenica e sacerdote ’pendolare' da più di quarant’anni - vedere i fedeli nelle giornate di caldo afoso utilizzare il foglietto della messa come ventaglio. Smettiamola. Per non parlare del pubblico ruminante di fedeli che mastica la gomma da inizio a fine celebrazione. E c’è chi la appiccica persino sotto le anche».

I canti - I fedeli, ha avuto modo di sperimentare il prete in tanti anni di pendolarismo nelle parrocchie, spesso non sanno accompagnare il prete al momento dei canti. «Quante volte - racconta - capita di sentire i fedeli scoordinati quando non proprio stonati o il parroco costretto a cantare da solo perchè i fedeli sono completamente assenti». Stonati o con voci bianche, nelle parrocchie si consiglia di «pregare e cantare unendo la tua voce a quella degli altri, senza gridare». È un modo per dimostrare la partecipazione attiva.

L'acquasantiera - Al tema della maleducazione tra i parrocchiani è stato dedicato anche un galateo nel quale si raccomanda: il fedele doc «non tuffa le mani nell’acquasantiera», il segno della croce ha i suoi tempi non può essere un gesto «fulmineo».  Il bon ton del perfetto cattolico riserva una strigliata anche agli ’spostatori di panche'. «La Chiesa - ricorda don Sergio Mercanzin - non è una spiaggia. L’estate è il periodo migliore per dimostrare la propria educazione anche in chiesa. Il rispetto deve essere diretto al Padre eterno e al prossimo, è il doppio amore che ci richiede Cristo».

La puntualità -  La lista delle maleducazioni è assai lunga: ci sono i chiacchieroni, i furbi delle file davanti al confessionale. Nel galateo del buon cattolico si consiglia ai fedeli davanti al confessionale «di perdere la brutta abitudine di non prepararsi e di assegnare al prete l’ingrato compito di cavadenti spirituale». La puntualità è un altro tallone di Achillle. Non è educato interrompere il parroco durante l’omelia. Seduti, inginocchiati, poi di nuovo in piedi. Anche sui tempi, il più delle volte, non c’è unità. Il galateo del buon cattolico spiega per filo e per segno in quali momenti rimanere seduto, in quali inchinarsi, in quali ancora «se possibile» stare in ginocchio e quando alzarsi. Pollice verso alle comunioni inflazionate: «Chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, sarà reo del Corpo e del Sangue del Signore...mangia e beve la propria condanna». In sintesi, prima di
ricevere l’ostia consacrata «è necessario essere in grazia di Dio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gabytes

    21 Luglio 2014 - 16:04

    Proprio ieri mi è capitato di riascoltare un video di un noto teologo biblista italiano che va (o andava) per la maggiore, i suoi libri sono negli scaffali delle Paoline (almeno fino a dieci anni fa) il quale diceva che Gesù Eucaristia non dev'essere un premio per i buoni, ma Pane per tutti, per diventare buoni. Confesso che era abilissimo a far girare bene l'acqua del suo mulino. Sono perplessa

    Report

    Rispondi

  • spalella

    20 Luglio 2014 - 13:01

    io invece dico basta ai preti pedofili, ai preti che spacciano droga come a milano, allo IOR, ai cardinali nullafacenti pagati con le nostre tasse, ed alle truffe culturali, politiche, e civili che da secoli subiamo a causa di uno stato vaticano disonesto ed inutile. E non mi stancherò mai di dirlo.

    Report

    Rispondi

    • ludvig53

      20 Luglio 2014 - 15:03

      IL COMMENTO NON FA UNA GRINZA! aggiungerei solo "basta ai lasciti posto mortem alla chiesa che regala mega appartamenti a vescovi che hanno fatto voto di poverta' e ........castita'??( basta pubblicita' 8x 1.000 ....chiedilo a loro) CHIEDILO A BERTONE!!!!!!!! a seguito della permanenza in vaticano, PAPA FRANCESCO penso che stia rimpiangendo la vita da parroco nelle favelas argentine

      Report

      Rispondi

blog