Cerca

Giustificazioni

Sprechi di Pozzallo, la deputata M5s: "Il cibo mediterraneo non è adatto agli immigrati"

Sprechi di Pozzallo, la deputata M5s: "Il cibo mediterraneo non è adatto agli immigrati"

La questione non è nuova: al centro di accoglienza di Pozzallo il cibo, incellophanato e destinato ai migranti, viene direttamente cestinato, senza essere consumato.  Lo spreco dipende principalmente da un inefficace accordo tra il Comune e una ditta di Pescara aggiudicatasi il bando. Comune che paga 15 euro al giorno a persona per i pasti, che però finiscono nell'immondizia. Sul caso è già stata aperta un'inchiesta amministrativa interna alla struttura.

Deliri politically correct - Sulla questione però non sono tutti d'accordo. Marialucia Lorefice, cittadina a 5 stelle, come ci tiene a definirsi su Facebook, non ci sta. Ha chiesto un'interrogazione parlamentare sul caso Pozzallo, non perché giustamente imbarazzata dallo spreco, ma perché ha da ridire sulla dieta a cui sarebbero "obbligati" gli stranieri. "Sebbene quelli offerti rispondono alle caratteristiche dieta mediterranea, la migliore, i migranti provengono da zone in cui sono abituati a nutrirsi di cose ben diverse. Questo significa che anche la semplice pasta diventa per loro un problema. Non riescono a digerirla".

Gestione e digestione - In soldoni, il problema non è lo spreco di cibo, dei soldi del comune e quindi dei contribuenti. Per la deputata grillina la questione è un'altra. Lo spreco è in qualche modo giustificato, poiché il menù non "intercetta" il cibo dei migranti. Anzi, sarebbe lo Stato Italiano, secondo la pentastellata, a doversi in qualche modo adeguare alle esigenze dei nostri ospiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    11 Agosto 2014 - 15:03

    Salve Marialucia, i migranti non mangiano i inostri prodotti e che cosa vengono a fare in Italia, Pensano che gli Italiani debbano acquistare prodotti specifici per loro?. Marialucia, prova a dar loro quello che hai in mezzo alle GAMBE e VEDRAI come se la LECCANO anche se non è di lro GRADIMENTO. DEFICIENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    25 Luglio 2014 - 20:08

    Basta con questo esodo. Dice, fuggono dalla povertà e dalla fame. Vengono qui e rifiutano il cibo che gli viene dato. Però continuano a venire… per fortuna tra noi e loro c'è di mezzo il mare.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    24 Luglio 2014 - 14:02

    Se una persona ha fame, mangia qualsiasi cosa di commestibile e la pasta è quanto di più commestibile ci possa essere.Se queste persone salvate dall'Italia rifiutano il cibo fino a buttarlo nella spazzatura dovrebbero immediatamente essere espulsi, anzi dovrebbero essere ributtati in quel mare da cui gli italiani li hanno salvati!Col cibo da loro buttato,molti italiani ci vivrebbero!Fanno schifo!

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    24 Luglio 2014 - 09:09

    Per Marialucia Loreliuce ,deputata 5 stelle,il cibo che viene dato ai clandestini finisce nella spazzatura perché non adatto a loro.Se li lasciamo senza mangiare il diventerebbe digeribile e appetitoso tanto da raccoglierlo dai cassonetti.(se vogliono far ca.......re il cu.o)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog