Cerca

La liberazione del Giglio

Costa Concordia, iniziata la rotazione: inizia il viaggio verso Genova

Costa Concordia, iniziata la rotazione: inizia il viaggio verso Genova

Dopo il maltempo degli ultimi giorni che ha rallentato le operazioni di partenza, il gran giorno è finalmente arrivato: la Concordia, che da più di due anni assedia l'isola del Giglio, si prepara a partire verso Genova. Poco dopo le le 9 del mattino, le sirene dei mezzi militari e civili presenti al Giglio hanno salutato la partenza del relitto, ora davvero pronto per il suo ultimo viaggio. Sono iniziate questa mattina intorno alle 5.00 le operazioni di rotazione dell'imbarcazione che dovrà raggiungere i 90 gradi, in modo da guardare l'Argentario. Il movimento è visibile dal molo dove tutta l'isola si è radunata per assistere agli ultimi movimenti.

"Tutto secondo i piani" - Dopo più di due anni, il oggi lascerà finalmente l'Isola del Giglio in direzione Genova, la partenza è fissata intorno alle 12. Sarà trasportata da quattro rimorchiatori , due a prua e due a poppa, con velocità media di due nodi. Prima di arrivare in terra ligure dovrà percorrere circa 370 chilometri. Il regista delle operazioni, Nick Sloan, ha dichiarato: "Sta andando tutto secondo i piani, è un grande giorno per il Giglio ma solo una volta che saremo a Genova potremmo rilassarci". Sergio Ortelli tira un sospiro di sollievo e si dice soddisfatto, anche se ricorda che la tragedia della Concordia segnerà per sempre la storia dell'isola come "come un'invalidità permanente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alerione

    23 Luglio 2014 - 22:10

    Se fosse successo Silvio regnante con quel maneggione di Bertolaso al comando della protezione civile sareste qui a suonare le trombe. Invece un articoletto dopo tette e culi. Complimenti.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    23 Luglio 2014 - 15:03

    Per i Media dovrei essere Orgoglioso di questa partenza. Invece NO. è una Disgrazia figlia della sotto-cultura italiana priva di Meritocrazia (un cretino al comando), priva di Efficenza (un equpaggio incapace di gestire l' emergenza), il tutto condito da un DeFalco, il militare che solo per aver detto : ''Torni a Bordo'', voleva candidarsi in politica, cioè a ''Bengodi''. E Poi il processo....

    Report

    Rispondi

blog