Cerca

L'editoriale

Un governo in alto mare

27 Luglio 2014

2

Qualche giorno fa il presidente del Consiglio ha ammesso che nel 2014 il Pil crescerà meno del previsto. Più 0,4 invece dello 0,8 scritto nel Documento di economia e finanza. Il problema è che molto probabilmente l’anno si chiuderà con la metà di quanto annunciato: 0,2 al posto dello 0,4. Risultato, alla fine la crescita dell’economia sarà prossima allo zero, pari a un quarto di ciò che era stato immaginato e che pure era ritenuto insufficiente per far ripartire l’Italia. Dal punto di vista dei conti questo significa che il nostro Paese rischia di sforare il famoso 3 per cento di deficit e non solo non riesce a ridurre il debito pubblico, ma continua ad aumentarlo, con tutto ciò che ne consegue in termini di finanza pubblica. Il mancato raggiungimento dell’obiettivo di crescita produce ovviamente numerosi effetti, sia sull’occupazione che sulle entrate. Ma per una volta non vogliamo affliggere i lettori con un riesame della situazione finanziaria dell’Italia. Ci basta citare il fallimento della crescita del Pil come esempio delle molte promesse non attuate da questo governo.
Sono passati cinque mesi da quando Matteo Renzi con un blitz spodestò Enrico Letta, prendendone il posto dopo averlo invitato da uno studio tv a stare sereno. Il golpetto, non di stato ma di palazzo, fu giustificato dal premier con l’esigenza di fare in fretta e di dare risposte rapide alla crisi. Per ora, da quel che emerge da un’inchiesta giornalistica condotta dai colleghi di Libero, risulta che a tempi record è avvenuta solo l’occupazione delle poltrone, mentre il resto è passato in seconda linea. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero assisi

    27 Luglio 2014 - 22:10

    è tutto il paese e mezza europa che è in alto mare, è fallito un sistema, la politica non è riuscita ha fare il suo lavoro i politici non solo Italiani ma europei anno pensato al loro orticello, era meglio se la germania e la francia ridevano meno ed ascoltavano silvio, non ci sarebbero state le guerre in africa e neanche in crimea e ucraina, Erdogan e Putin sarebbero stati in europa

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    27 Luglio 2014 - 12:12

    Le elezioni anticipate, che Renzi vorrebbe, per tentare d'incollarsi alla sedia per altri 5 anni, non potranno avvenire molto presto. Ben fa dunque Berlusconi a sollecitare la riforma elettorale e lasciare che il giovine si autodistrugga con parole vuote ed incapacità manifesta. Tra qualche mese tutti, SINISTRI BUFFONI compresi, avranno capito il valore del loro idolo, quindi sia benvenuto il voto

    Report

    Rispondi

media