Cerca

Il credito

Ristrutturazioni, ecco come chiedere il mutuo alle banche

Ristrutturazioni, ecco come chiedere il mutuo alle banche

Mutui agevolati per chi deve ristrutturare casa. Le banche ora aprono i rubinetti per chi vuole investire sulla propria abitazione. Per salvaguardare i propri interessi e tutelarsi da possibili mancati pagamenti, forniscono il credito a chi richiede il mutuo, rendendolo però svincolato solo a seguito del pagamento dei lavori con bonifico, dietro fattura, per assicurarsi che il credito sia effettivamente utilizzato per la ristrutturazione.

La richiesta - Per ottenere il mutuo bisogna presentare una serie di documenti relativi a tutti i lavori corredati dai progetti per le modifiche, oltre che i documenti base, quali i documenti di riconoscimento e quelli che attestano la situazione del reddito e dell'immobile stesso.

Come utilizzarlo - Sebbene sia ancora poco richiesto, il mutuo per ristrutturazione può essere utilizzato sia per lavori di tipo ordinario, per i quali si deve presentare un preventivo dettagliato, il computo metrico estimativo, sia per lavori di natura straordinaria, compresi l'ampliamento dell'immobile, per i quali occorre allegare documenti che attestino il permesso di costruzione e la dichiarazione d'inizio attività (D.I.A.).

L'erogazione - Il mutuo, richiedibile dal proprietario dell'immobile e che copre fino al 70% dei costi necessari alla ristrutturazione, se si tratta di piccoli lavori viene di solito erogato in un'unica soluzione. Ma nei casi che prevedono una spesa più impegnativa può essere erogato il SAL (stato avanzamento lavori). Solitamente vengono previsti 18 mesi affinché i lavori vengano conclusi; successivamente a tale periodo parte il piano per la restituzione del mutuo, e fino ad allora il cliente sostiene le spese relative agli interessi stabiliti nel contratto riguardanti l'intera somma erogata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog