Cerca

La rettifica

Reggio Calabria, il legale dell'ex sindaco di Calanna Luigi Catalano: "Nessun rapporto con la 'ndrangheta, imputato per un altro reato

Luigi Catalano, ex sindaco di Calanna (Reggio Calabria), "ad ora non risulta essere stato ancora udito dal Giudice procedente per l'interrogatorio di garanzia, non ha quindi potuto chiarire la propria posizione. L'unico reato contestato - per nulla attinente con la criminalità organizzata - sarebbe una presunta turbativa d'asta non aggravata dalla modalità mafiosa, come calunniosamente risultante dalle illazioni contenute nella notizia pubblicata". E' la risposta dell'avvocato di Catalano, Giacomo Falcone, che smentisce la notizia pubblicata dall'agenzia Adnkronos lo scorso 22 luglio relativo all'operazione Rifiuti Spa 2 eseguita dai Carabinieri del Ros, che faceva riferimento a presunti rapporti di Catalano con la 'ndrangheta. Il legale dell'ex sindaco, che ha lasciato la carica nel 2012, ricorda come il suo assistito sia imputato "per fatti risalenti al 2009. L'Amministrazione ha bandito un appalto che oggi risulta essere stato oggetto di una più ampia inchiesta sui rifiuti che nemmeno marginalmente ha coinvolto il sig. Catalano". "L'appalto - prosegue Falcone -riguarda l'affidamento di un incarico per la progettazione di opere di caratterizzazione di una discarica sita nel Comune per l'importo di circa 14.000 euro effettuato, si ribadisce, nel massimo rispetto delle regole di trasparenza e buona amministrazione tanto che il Comune, pur essendovi i presupposti per l'affidamento diretto, ha proceduto mediante avviso pubblico al quale hanno partecipato quattro esperti. L'estraneità rispetto a cosche mafiose, peraltro, risulta dimostrata dal fatto che in tali ipotesi l'articolo 275 cpp, terzo comma, non prevede la detenzione domiciliare". Catalano è attualmente agli arresti domiciliari "in considerazione del ruolo di sindaco ricoperto all'epoca dei fatti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog