Cerca

Non sarà elettivo

L'aula approva il Senato dei 100

Primo significativo successo del governo nella riforma di Palazzo Madama

L'aula approva il Senato dei 100

Dopo tre giorni di liti, urla, parapiglia, feriti, il governo, che appena poche ore fa era andato sotto in due votazioni, incassa il primo significativo successo nella riforma del Senato. L'aula di Palazzo Madama, con 194 sì, 26 voti contrari e otto astenuti, dà il via libera all’articolo 2 del ddl che modifica l’articolo 57 della Costituzione e che riguarda la composizione e l’elezione del Senato. Assenti Lega e Movimento 5 Stelle, che hanno scelto una specie di Aventino.

Il nuovo Senato avrà 100 componenti: 95 scelti dai Consigli Regionali e cinque indicati dal Capo dello Stato. Con l’approvazione dell’articolo 2, sono preclusi tutti gli emendamenti aggiuntivi che riguardano l’elezione a suffragio universale e diretto del Senato, che quindi (altro punto fermo) non sarà più elettivo. Il presidente Pietro Grasso in Aula ha applicato ancora la tecnica del "canguro" che ha permesso di far decadere 1300 emendamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    02 Agosto 2014 - 16:04

    Siamo vermante un popolo di fregnogi. Dice giustamente il detto: "can che abbaia non morde". Renzi lo sa i nostri politici lo sanno.

    Report

    Rispondi

  • Giumaz

    02 Agosto 2014 - 11:11

    Riforma inutile, almeno per il momento. Invece di pensare a riforme urgentissime (fisco e burocrazia e quant'altro di contorno) atte al rilancio dell'economia, si è iniziato a riformare la casa dai comignoli, mentre le fondamente si stanno sbriciolando. Ed la maggioranza degli italiani sosterrebbe Renzi? Complimenti, veramente un paese di coglioni.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    02 Agosto 2014 - 11:11

    Anche questa è fatta ! Ci avviamo sempre più verso il potere assoluto della sinistra. Questo senato sarà un club al 90% di politici di sinistra, regioni,comuni etc. Qualcuno lo ha definito il dopolavoro del PD. Sottratto al suffragio popolare, sarà un organo consultivo che sarà utilizzato a piacimento ed avrà sicuramente il suo peso,quantomeno mediatico. Il Senato era un ostacolo per il PD.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      02 Agosto 2014 - 18:06

      l'Italia è, da sempre, a maggioranza CDX. Andate a votare e vincerete le elezioni. Così la prossima volta toccherà a voi. Dove sta il problema?

      Report

      Rispondi

  • Giumaz

    02 Agosto 2014 - 11:11

    Riforma inutile, almeno per il momento. Invece di pensare a riforme urgentissime (fisco e burocrazia e quant'altro di contorno) atte al rilancio dell'economia, si è iniziato a riformare la casa dai comignoli, mentre le fondamente si stanno sbriciolando. Ed la maggioranza degli italiani sosterrebbe Renzi? Complimenti, veramente un paese di coglioni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog