Cerca

Incidente

Caccia militare si schianta in provincia di Isernia, illeso il pilota

Caccia militare si schianta in provincia di Isernia, illeso il pilota

Francesco Sferra, pilota dell'Aeronautica militare, l'ha vista brutta ieri 1 agosto, intorno alle 9.30 del mattino, quando il caccia AMX su cui si trovava si è schiantanto al suolo nei pressi di Carovilli, in provincia di Isernia. L'aviatore è riuscito a lanciarsi con il paracadute e a mettersi in salvo, mentre il velivolo in avaria, una volta toccato il suolo, ha preso fuoco, fortunatamente in campagna e lontano dal centro abitato.

L'incidente - Lo stato maggiore dell'Aeronautica ha reso noto che:"Il velivolo del Reparto sperimentale Volo era partito dalla base di Pratica di Mare, nei pressi di Roma" ed era diretto a Istrana, in provincia di Treviso. La stessa Aeronautica ha confermato che il pilota si é lanciato dal caccia ed é stato soccorso dal 118: le sue condizioni sono buone, "Era cosciente, parlava, e lui stesso si è raccomandato dicendo alle persone presenti di non avvicinarsi all’aereo per la possibile presenza di combustibile" hanno riferito i primi soccorritori arrivati sul posto. Francesco Sferra, 35 anni, è stato portato nell'ospedale di Isernia dove lo hanno raggiunto i genitori. Tra i primi soccorritori accorsi sul posto c'era anche il sindaco di Carovilli che ha dichiarato:"Ho sentito due tonfi forti quando stavo entrando in municipio. Ci siamo precipitati sul posto che è vicino, abbiamo impiegato poco, 2 o 3 minuti. Ho visto un paracadute, così mi sono reso conto che qualcuno scendeva tra gli alberi. Poi quando l’ho riconosciuto ho detto: grazie a Dio, Francesco è vivo. L’ho visto mentre chiamava dal telefonino i Vigili del fuoco. Non si è fatto nulla". Il pilota è originario proprio di Carovilli, dove è avvenuto l'incidente.

Le inchieste - Parti dell'aereo sono sparse sulla collina della località Castiglione di Carovilli e alcune sono state distrutte dal fuoco. Le forze dell'ordine presenti ipotizzano che l'incidente sia stato causato da un problema tecnico. Si attende il recupero della scatola nera. La zona dove si trovano i resti del velivolo è stata interdetta per permettere le indagini. I residenti riferiscono che spesso aerei militari sorvolano il paese. L'Aeronautica militare ha nominato una commissione di inchiesta per accertare le cause dell'incidente del caccia AMX e approfondire anche i dettagli circa la rotta seguita dal pilota e l'altezza mantenuta durante il volo. Sferra dovrà spiegare per quale motivo, invece di puntare direttamente verso nord, abbia deciso di far rotta verso sud-est, fino in Molise. Nel frattempo ha aperto un'inchiesta anche la procura di Isernia, anche se per il momento non è stata formulata alcuna ipotesi di reato, 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    20 Agosto 2014 - 18:06

    In un piccolo paese Lesina nella provincia di Foggia hanno scoperto una compra vendita di lauree fasulle circa 100 persone coinvolte a 14 mila euro l'una. Figuriamoci in Tutta Italia ? La notizia ha avuto poca risonanza allivello informazione chi sa perche' ? I laureati sono tutto un bluff !!

    Report

    Rispondi

  • seve

    04 Agosto 2014 - 11:11

    Sono solo i meridionali a quanto pare che fanno gli inchini ,con le navi ,con le Madonne ,e con gli aerei . E' proprio una epidemia . Intanto i danni che fanno sono pesanti. Non volano perché non hanno cherosene e quando volano cadono.

    Report

    Rispondi

    • fonty

      fonty

      04 Agosto 2014 - 13:01

      E infatti, l'80 % dei magistrati e dipendenti pubblici da dove provengono ? Ecco spiegato perché la burocrazia Italiana è una roba da terzo mondo, anzi da regno delle due sicilie di Franceschiello dove regnava sovrana l'ammuina .

      Report

      Rispondi

    • fonty

      fonty

      04 Agosto 2014 - 13:01

      Lol lol lol !!!!

      Report

      Rispondi

  • routier

    04 Agosto 2014 - 08:08

    Roma Treviso circa 430 km. Roma, Isernia, Treviso circa 630 Km. I duecento km in più erano autorizzati ? Erano previsti dal piano di volo ? Se erano autorizzati e previsti, l'illecito non esiste. Se sono frutto di una decisione arbitraria del pilota questo va processato e debitamente condannato.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    02 Agosto 2014 - 18:06

    Sempre meglio dei top gun Usa che facendo gli imbecilli come questo Sferra hanno fatto cadere la cabina di una funivia ammazzando tutta quella gente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog